Incarico di Giudice popolare. Chiarimenti per il DSGA

DSGA – sono stata nominata Giudice Popolare presso la 3^ sezione della Cortedi Appello di X. L’impegno è previsto per n.2 gg. sett..li da gennaio a marzo.Sono Dsga di ruolo e il Dirigente scolastico  mi ha invitata ad usufruire “aspettativa”. Gradirei sapere se tale richiesta è supportata da riferimenti normativi,contrattuali .

Paolo Pizzo – Gentilissima DSGA,

l’invito della Dirigente di fruire di un’“aspettativa” è piuttosto generico nonché impreciso.

L’art. 15/7del CCNL/2007 dispone in modo molto chiaro che il dipendente ha diritto ad altri permessi retribuiti previsti da specifiche disposizioni di legge.

Su quest’ultimo punto si ritiene utile richiamare un Orientamento Applicativo ARAN specifico per il Comparto Scuola nel quale alla domanda “Che cosa si deve intendere con “altri permessi retribuiti previsti da specifiche disposizioni di legge”? l’Agenzia precisa:

“la disposizione dell’art. 15, comma 7  ,del CCNL  2006/2009 conferma la vigenza di tutte le norme di leggi che prevedono casi di permesso retribuito –  oltre a quelli indicati nel corpo dell’articolo stesso –  come, ad esempio, permessi per donatori di sangue, per il diritto allo studio, per volontari nelle attività di protezione civile, per funzioni presso uffici elettorali, per l’ufficio di giudice popolare ed ogni altra norma di legge non espressamente citata.”

Detto questo, il riferimento normativo da prendere in considerazione è l’art. 11 della legge n. 278/1951, come sostituito dal D.L. n. 31/1978, convertito nella legge n. 74/1978.

A questo si aggiungono le C.M. nn. 76/59, 211/94, 302/80.

Ai sensi della legge citata e delle circolari di cui sopra l’incarico di Giudice popolare oltre ad assumere carattere obbligatorio è equiparato a tutti gli effetti all’esercizio delle funzioni pubbliche elettive.

Il carattere obbligatorio dell’incarico può riguardare tutto il personale della scuola (dirigente, docente, tecnico-amministrativo).

Pertanto per tali assenze si applica per tutto il personale menzionato la medesima disciplina prevista per i lavoratori che siano chiamati a svolgere funzioni pubbliche elettive, i quali hanno diritto a percepire, durante tutto il relativo periodo di assenza, la normale retribuzione.

Inoltre tali assenze, retribuite per intero ed equiparate all’effettivo servizio, sono da ritenersi valide ai fini della progressione di carriera, del trattamento di quiescenza e di previdenza nonché a fini della maturazione delle ferie.

Si evidenzia come tali assenze riguardano solo le giornate in cui si tengono udienze o altre attività connesse con la funzione di giudice popolare, per le quali sarà richiesta la tua presenza.

Ovviamente sarai tenuto ad avvertire preventivamente la Dirigente dell’assenza producendo copia del decreto di nomina a giudice popolare ed al rientro, a giustificazione della stessa, dovrai produrre idonea certificazione rilasciata dalla competente autorità giudiziaria.

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads