Graduatorie III fascia ATA: la convalida del punteggio deve essere sempre eseguita tempestivamente all’atto del primo rapporto di lavoro

Antonella – Vi scrivo per avere chiarimenti in riferimento al calcolo del punteggio per il personale ATA di terza fascia. La mia causa è questa: nel maggio 2014 come prima volta, per un giorno, vengo assunta da una scuola in provincia di Rimini col profilo di collaboratore scolastico, a termine di questo contratto giornaliero, per supplenza temporanea, vengo richiamata in un’altra scuola, sempre nella provincia di Rimini ma in un altro comune, questa volta per una supplenza di più giorni.

In questo caso, come seconda assunzione mi venne richiesto il documento che attesta il calcolo del punteggio inserito in graduatoria, in possesso e di dovere della scuola precedente di Rimini. Questo documento per cause sconosciute tarda, finendo nel dimenticatoio. Scade il secondo contratto e tutto rimane così. Fino a quando nel settembre 2014 non vengo ricontattata dalla seconda scuola per un incarico più lungo, fino ad avente diritto. Per la seconda volta mi viene richiesto il documento del calcolo del punteggio in possesso della prima scuola che mi ha assunta, ma il documento continua a tardare, la seconda scuola si appresta a sollecitare tale documento, intanto io ho fatto i mie tre mesi di lavoro…e all’arrivo di questo, tanto atteso, documento la spiacevolissima notizia del licenziamento immediato.

*Da chi dipende questo inconveniente e quali sono i passi da fare in quanto alla mia posizione?*
La chiusura del contratto segnala 0,60 punti in meno, rispetto a quanto avevo dichiarato nella graduatoria del 2011, in riferimento al servizio civile svolto.
E a questo punto la mia posizione scende da n.131 al 225, la direzione venuta a conoscenza di questo ha immediatamente interrotto il mio contratto dell’avente diritto. Inoltre hanno sottolineato il fatto che tutto il mio servizio svolto è nullo ai fini di punteggio.

Le mie perplessità adesso sono queste: 1) visto che 0,60 punti, per il servizio civile, nella graduatoria del 2011-2014 erano state considerati validi, o meglio non c’era una chiarezza come nel bando di quest’anno, oggi possono essere annullati in riferimento sempre alla graduatoria del 2011-2014??? 2) E’ una prassi quella di richiedere il calcolo del punteggio alla prima scuola che assume? o lo deve fare la scuola pilota che riceve la domanda? 3) se nessuno si sarebbe accorto di questo intoppo come andava a finire? 4) il servizio svolto fino a ieri è da considerarsi assolutamente nullo?
In attesa di una cortese risposta,
vi ringrazio per l’attenzione mostratami
Cordiali saluti

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Antonella, in riferimento al comma 5 dell’art. 7 del D.M. 717/2014, si evince che: All’atto del primo rapporto di lavoro stipulato in applicazione del presente decreto, i predetti controlli sono tempestivamente effettuati dal dirigente scolastico che conferisce la supplenza temporanea disposta sulla base della terza fascia della graduatoria di circolo o d’istituto della stessa istituzione scolastica e devono riguardare il complesso delle situazioni dichiarate dall’aspirante, per tutte le graduatorie in cui il medesimo è risultato incluso.

In caso di mancata convalida dei dati il dirigente scolastico, nella cui istituzione scolastica si verifica la fattispecie di cui al comma precedente, assume le conseguenti determinazioni, sia ai fini dell’eventuale responsabilità penale, di cui all’art. 76 del d.P.R. n. 445 del 2000, sia ai fini delle esclusioni di cui al successivo articolo 8, ovvero ai fini della rideterminazione dei punteggi, della corrispondenza titoli/aree di laboratori limitatamente al profilo di assistente tecnico e delle posizioni assegnate al candidato nelle graduatorie di circolo e di istituto, dandone conseguente comunicazione al candidato e contestualmente alle istituzioni scolastiche scelte nel modello D3.

Poiché la convalida del punteggio non è avvenuta in maniera tempestiva (art. 7 comma 5, D.M. 717/2014), le consiglio di rivolgersi a un sindacato per le opportune verifiche del caso e procedere eventualmente con istanza di ricorso per il riconoscimento giuridico del servizio prestato.

Per la valutazione del Servizio Civile la invito a leggere: Graduatorie ATA terza fascia. Come valutare il servizio civile?

Posted on by nella categoria Graduatorie ATA
Versione stampabile
ads ads