Supplenze Ata: chi garantisce trasparenza procedure?

Antonietta – Esiste la possibilità di visualizzare, quotidianamente, l’elenco degliistituti in cui c’è necessità di nominare un supplente, la durata dell’incarico e il nominativo del docente scelto? Intendo dire, ci sono dei modi, a passo con l’era della tecnologia, per garantire la correttezza e la trasparenza delle procedure?

In fondo, il personale della segreteria vede IN TEMPO REALE chi è già impegnato, dove e per quante ore…Per quale motivo, i diretti interessati, devono restare all’oscuro dei meccanismi di selezione, col rischio di essere scavalcati dai soliti furbetti? C’èqualcuno che controlla dall’alto? Ci sono delle sanzioni per il personale che “sbaglia”ad assegnare la supplenza?

E ancora mi chiedo perché, a oggi, sono pochissimi gli istituti (almeno qui in Sicilia) che rendono pubbliche, sul proprio sito online, legraduatorie? Devo forse sospettare che anche il mondo della scuola non si sottrae al noto giochetto delle amicizie e delle parentele, e anche qui, se nonsi hanno i giusti agganci, non si lavora ? Come faccio a sapere se il signor "x", con punteggio inferiore al mio, è stato chiamato a ricoprire ingiustamente un incarico di supplenza che spettava a me?????? In attesa di un vostro riscontro porgo cordiali saluti. Grazie.

Lalla – gent.ma Antonietta, questo è un argomento che abbiamo affrontato più volte nella nostra rubrica, soprattutto per l’assegnazione delle supplenze al personale docente.

Ti invito infatti a leggere Supplenze. Dubito dell’onestà delle segreterie scolastiche e Scortesia da parte degli assistenti amministrativi aumenta dubbi su conferimento supplenze

Come vedi, le possibilità teoriche che la procedura di assegnazione della supplenza sia trasparente esiste, non c’è ancora una mentalità tale per cui tutte le scuole comprendono l’importanza dell’adozione dell’albo pretorio on line. Per questo motivo è indispensabile anche la vostra collaborazione, affinchè spiegate i motivi per cui è necessario rendere fruibili i contratti di supplenza. Ad un certo punto – ne sono convinta – le segreterie si stancheranno.

Tra l’altro sono convinta che in moltissimi casi la procedura sia sempre corretta e che è solo il mistero che l’avvolge a rendere particolamente sospetta l’assegnazione. In ogni caso, a specifica richiesta, i Dirigenti Scolastici non possono esimersi dal rendere note le supplenze assegnate.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads