ATA: i compiti dei collaboratori scolastici e l’assegnazione del piano di lavoro

Sara – Salve, ho accettato da un posto da collaboratrice scolastica part time pomeridiano a 18 h settimanali art.40. Avrei bisogno di indicazioni/informazioni in merito alle mansioni del collaboratore. Premetto che è questo il mio primo incarico e sebbene per i primi tempi ho accettato tutto senza obiettare, oggi ho delle perplessità. Perplessità che non ho modo di chiarirmi, per questo chiedo a voi qualche dritta. Nella scuola dove lavoro sono impiegati 5 collaboratori a tempo pieno e un part time,ossia io.

Da quando ho preso servizio mi è stato detto a voce di quali reparti mi sarei dovuta occupare, ossia gli uffici:presidenza , due segreterie un ufficio dsga e all’occorrenza vari atrii scale etc. Il problema è che i miei colleghi hanno i loro Piani di lavoro scritti, quindi hanno la “responsabilità” di un reparto, io, pur avendo richiesto un piano scritto, non ho ricevuto risposte anzi mi è stato detto che non ce n’è bisogno. Lavoro lì da due mesi e mi sono ritrovata sempre a sostituire personale in malattia nei loro reparti. Credo che, in totale, sarò riuscita ad occuparmi dei “miei reparti” senza il carico di un reparto aggiuntivo, una sola settimana. Non pensavo fosse corretto perché i miei colleghi, in caso di assenza, si dirigono nei loro reparti e io resto il jolly, ricevo compiti differenti tutti i giorni. Ho chiesto delucidazioni e mi è stato detto che sono stata assunta per sostituire gli assenti. Ma mi chiedo è possibile che un part time debba pulire lo stesso numero di reparti di un full time? E soprattutto mi chiedo se è possibile che solo io non devo avere un piano di lavoro e lavorare sulle assenza altrui? Mi sono attenuta a quanto mi è stato detto perché non so se i miei dubbi sono fondati o meno, anche perché ammetto la mia inesperienza .
Vi ringrazio anticipatamente della cortese attenzione Cordiali saluti

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Sara, la sostituzione dei colleghi assenti va effettuata solo in caso di diretta disponibilità ed è sempre riconosciuto un compenso aggiuntivo.

Inoltre è un diritto del lavoratore e un dovere dell’amministrazione assegnare un proprio reparto a ogni unità in organico (il carico di lavoro deve sempre essere suddiviso equamente tra tutti i colleghi così come le turnazioni pomeridiane).

Di seguito ti linko due schede sui compiti del personale ATA:

Collaboratore Scolastico: quali sono le mansioni professionali

Mansioni del Collaboratore Scolastico: pulizia degli alunni dell’infanzia e cambio pannolino

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads