Graduatorie III fascia ATA: valutazione del titolo di studio, con votazione su ogni singola materia

Patrizia – Egregio/a con la presente Vi chiedo una delucidazione per quanto riguarda la valutazione del mio titolo di studio;

Premessa:-
Nell’anno 2008 ho presentato domanda per personale Ata e e mi è stato attribuito il punteggio di 9;
Nell’ann’anno 2014 ho iniziato ad effettuare delle supplenze e quindi ho ripresentato, come già nell’anno 2011, la nuova domanda per il triennio 2014/2017, trmite modello D2;
Sempre nell’anno 2014 ho presentato domanda docente per la seconda fascia ove mi è stato attribuito il punteggio di 16;

La mia domanda è questa:-

In questi giorni, dovendo chiedere informazioni precedenti alla mia attività, mi sono recato presso il mio sindacato, dove ho scoperto che il mio punteggio per la terza fascia Ata era di 9,10 e non 9.
Sono in possesso di "diploma di abilitazione all’insegnamento nelle scuole del grado preparatorio", conseguito nell’anno 1992/1993, sul quale venivano indicati i voti per ogni materia e non un voto finale.
Facendo la somma di tutte le materie mi esce il voto di 100 (compreso il voto 9 in religione);

Quindi Vi chiedo qual’è la procedura giusta per calcolare il mio punteggio?
Tengo a precisare che a seguito dell’uscita della graduatoria provvisorio ho presentato ricorso per l’attribuzione del punteggio giusto. La scuola capofila mi ha riferito che sicuramente il ricorso non andrà a buon fine, in quanto dovevo presentare il modello D1.

Aggiungo inoltre che il punteggio di 9 mi è stato assegnato dalla scuola all’epoca della presentazione della prima domanda, anno 2008, in quanto neanche loro sapevano come calcolare il punteggio e quindi nella voce punteggio del modello, fu inserita la decitura "per il calcolo del punteggio vedasi diploma allegato".
Nel ringraziarLa di una Vostra eventuale risposta, porgo distinti saluti.

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Patrizia, innanzitutto si chiarisce che va valutato il titolo di studio richiesto per l’accesso al profilo professionale;

Si valuta un solo titolo e bisogna procedere:
con la media dei voti riportati (ivi compresi i centesimi), escluso il voto di religione, di educazione fisica e di condotta, qualora espressi in decimi.

Se invece nel titolo di studio la valutazione è espressa con qualifica complessiva si attribuiscono i seguenti valori:
sufficiente 6 PUNTI;
buono 7 PUNTI;
distinto 8 PUNTI;
ottimo 9 PUNTI.

Posted on by nella categoria Graduatorie ATA
Versione stampabile
ads ads