Malattia del figlio: criteri

Alfredo – sono un’insegnante a tempo indeterminato di scuola secondaria di primo grado dovrei prendere un mese di congedo per malattia del figlio inferiore a tre  anni vorrei sapere se il medico specialista é obbligato a specificare la patologia del bambino che per privacy vorrei  non venisse segnata. Grazie per il consulto.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Alfredo,

il dipendente che intende fruire del congedo deve presentare domanda di malattia del figlio (il modulo è di solito fornito dalla segreteria) in cui specifica la durata del congedo corredata da:

  • Il certificato di malattia del bambino rilasciato da un medico specialistica del SSN o con esso convenzionato (non è valido il certificato redatto dal medico di base a meno che non sia uno specialista);
  • L’autocertificazione attestante l’età del bambino, la paternità, la maternità o la condizione di “unico genitore”;
  • La dichiarazione sostitutiva (ai sensi dell’art. 47 del DPR n.445/2000) che l’altro genitore non fruisce contemporaneamente dello stesso congedo per lo stesso figlio.

Tutti i documenti, da prodursi unitamente alle domande, sono esenti da ogni imposta, tassa, diritto di spesa di qualsiasi natura (compresi i certificati medici che sono esenti dall’applicazione della marca previdenziale ENPAM).

Ricordiamo che ai congedi per malattia del figlio non si applicano i controlli per malattia del lavoratore (visita fiscale).

Non è necessario che nel certificato sia indicata anche la diagnosi oltre la prognosi (la malattia del figlio non deve essere nella fase acuta, né essere grave).

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads