Supplenze: graduatorie non rispettate

Daniela – Salve sono un’insegnante di terza fascia iscritta nelle graduatorie di Sondrio. A settembre l’istituto comprensivo di Livigno non mi ha chiamato (fino all’avente diritto) e so per certo dai miei ex colleghi che è stata chiamata una ragazza nemmeno inserita in graduatoria che ha lavorato li per due anni con domanda a mano. Posso fare qualcosa per recuperare quei giorni ed eventualmente lo stipendio perso?

Specifico che dopo d’aggiornamento delle graduatorie (16giorni dopo l’inizio della scuola) quella ragazza è passata davanti, quindi sarebbe spettato a lei. Ma non contenti in seguito credo a Novembre, ancora non mi hanno chiamata quando una collega ha preso un permesso (non so se per maternità o altro) e ancora hanno assunto un ragazzo con una messa a disposizione.

Io insegno al momento a Chiavenna e il mio contratto mi viene rinnovato di mese in mese, non so se resterò fino a giugno, e non trovo giusto che avrei potuto avere un contratto a Livigno per un periodo più lungo dal momento che lì hanno chiamato persone con domanda a mano.

Ho parlato con la vicepreside di Livigno che mi ha consigliato di informarmi su come fare (lei sa bene dei vari imbrogli in segreteria) ed ecco che chiedo aiuto a Voi. In attesa di chiarimenti, Vi ringrazio infinitamente.

Lalla – gent.ma Daniela, la risposta al tuo quesito non è semplice. Se tu oggi non lavorassi o non avessi lavorato in tutto questo periodo, sarebbe molto più semplice (fermo restando che la modalità con cui la segreteria gestisce il conferimento delle supplenze rimane deprecabile).

A questo punto però mi sembra di capire che la tua richiesta si baserebbe sulla convenienza territoriale della supplenza, che non è poco, ma potrebbe non essere sufficiente.

Non approvo invece la risposta della vicepreside, ma la voglio giustficare in nome dell’informalità della conversazione.

Ti invito invece a scrivere direttamente al Dirigente Scolastico (meglio se attraverso un legale) chiedendo quali supplenze sono state attribuite finora per la tua classe di concorso (magari facendo notare l’assenza dell’albo pretorio on line), da quali graduatorie e con quali punteggi.

Sulla base della risposta del Dirigente Scolastico deciderai cosa richiedere (ossia devi dimostrare, insieme al legale, il danno che una non corretta attribuzione delle supplenze ti ha causato). Non è escluso si debba arrivare ad un ricorso.

Ti consiglio però di non lasciar cadere nel nulla la situazione, proprio per evitare che tali situazioni possano ripresentarsi (e purtroppo non siamo sempre così fortunati da venirne a conoscenza).

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads