Scrutini: si vota per testa e non per numero di discipline

Maria Teresa – Sono un’insegnante di materie letterarie in una scuola media con funzione di coordinatrice. Il mio orario settimanale prevede 10 ore in terza media e 8 ore in prima. Nello specifico insegno italiano, storia, cittadinanza e costituzione, geografia. Durante gli scrutini spesso ci capita di votare per ammissione o meno, per l’attribuzione di un voto di comportamento o un altro. Chiedo: il mio voto vale 1, tanto quanto quello di colleghi che nella stessa classe insegnano una sola disciplina per 2 ore settimanali? È un notevole problema poiché, conoscendo meglio i ragazzi, mi trovo sempre in minoranza rispetto al numero dei colleghi. Questo è un problema di tutti i docenti di lettere della mia scuola. Si vota per testa o per numero di discipline e di ore? Grazie mille

Lalla – gent.ma Maria Teresa, ti confermo che si vota per testa e non per numero di discipline.

Tra l’altro, in caso di deliberazioni da assumere a maggioranza non è ammessa l’astensione. Tutti i docenti devono votare compreso il presidente il cui voto prevale in caso di parità ( art. 37/3 DLgs 297/94).

Nota bene : il Presidente del Consiglio di classe (di solito il Dirigente) non vota due volte ma, in caso di parità, il suo voto prevale.

Una guida sugli scrutini

Scrutini intermedi nella scuola secondaria: la guida per non commettere errori formali

Posted on by nella categoria Didattica
Versione stampabile
ads ads