Non voglio partecipare agli Esami di Stato, nè come commissario interno, nè esterno

Anna – Sono docente di inglese in un ITI.vorrei sapere se sono sempre costretta ad accettare incarico di commissario interno, oppure no. E se no, in base a quali disposizioni o quale normativa io posso declinare la nomina.

Lalla – gent.ma Anna,

la partecipazione ai lavori delle commissioni rientra tra gli obblighi inerenti lo svolgimento delle funzioni proprie del personale della scuola , salvo le deroghe consentite dalle norme vigenti.

Pertanto la designazione a commissario interno non è un invito che si può eventualmente declinare.

Finora la normativa ha individuato come criterio (ricordiamo che in questi giorni si stanno svolgendo i consigli di classe per la nomina dei commissari interni, ma in assenza di normativa aggiornata)

“Le materie affidate ai commissari interni devono essere scelte in modo da assicurare una equilibrata presenza delle materie stesse e, in particolare, una equa e ponderata ripartizione delle materie oggetto di studio dell’ultimo anno tra la componente interna e quella esterna, tenendo presente l’esigenza di favorire, per quanto possibile, l’accertamento della conoscenza delle lingue straniere.” Esami di Stato secondaria II grado: designazione dei commissari interni

Pertanto, nei casi in cui la lingua non è stata affidata dal Ministero al commissario interno, di solito il consiglio di classe designa commissario interno il docente di lingue.

Per declinare la designazione è necessario che il docente avanzi (al Dirigente, non al consiglio di classe) delle motivazioni valide che permettano l’esonero (il tutto per iscritto).

Il dirigente scolastico dispone immediati accertamenti in ordine ai motivi addotti a giustificazione dell’impedimento e la relativa sostituzione.

Anna – Inoltre, come posso fare per non avere incarichi di commissario esterno? Grazie per la risposta

Se rientri tra i docenti che hanno l’obbligo di presentare la domanda su Istanze on line, non puoi esimerti dal farlo. Qualora venissi individuata come commissario esterno,

l’impedimento a espletare l’incarico deve essere comunicato immediatamente al proprio dirigente scolastico, il quale dispone immediati accertamenti in ordine ai motivi addotti a giustificazione dell’impedimento e al competente Direttore Generale regionale il quale ne dispone l’immediata sostituzione.

La documentazione comprovante i motivi dell’impedimento deve essere prodotta dai dirigenti scolastici e dai docenti, rispettivamente, al Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale e al proprio dirigente scolastico, entro tre giorni dall’insorgenza dell’impedimento stesso.

Posted on by nella categoria Esami di stato
Versione stampabile
ads ads