Esclusione dalla graduatoria interna per chi assiste il coniuge

Cinzia – sono un’insegnante di scuola superiore di secondo grado con la titolarità nel Liceo X di Albano Laziale. Dallo scorso anno scolastico usufruisco dei benefici della L104 in quanto assisto mio marito che ha una grave disabilità permanente (100% da verbale INPS). Posso essere esclusa dalla graduatoria dei perdenti posto? Nel comune dove vivo ( Rocca di Papa) non ci sono scuole superiori e il comune di Albano Laziale è confinante con il mio nella prima corona. Le tabelle di viciniorità di Rocca di Papa  indicano come primo comune Grottaferrata.

Paolo Pizzo – Gentilissima Cinzia,

si premette che la disabilità è una cosa, l’invalidità un’altra. Per fruire quindi della precedenza riconosciuta dal CCNI è necessario che a tuo marito sia stato riconosciuto l’art. 3 comma 3 della legge 104/92 ovvero handicap in situazione di gravità (anche rivedibile, purché la durata del riconoscimento travalichi il termine di scadenza per la presentazione delle domande di mobilità volontaria), indipendentemente se poi abbia o meno riconosciuta anche un’invalidità.

Detto questo,  l’art.  7/2 del CCNI dispone che nei casi come il tuo l’esclusione dalla graduatoria interna possa avvenire a condizione che la tua scuola di titolarità sia ubicata nel comune in cui è domiciliato l’assistito.

Qualora invece la scuola di titolarità sia in comune diverso o distretto sub comunale diverso da quello dell’assistito, l’esclusione dalla graduatoria interna per l’individuazione del perdente posto si applica solo a condizione che sia stata presentata, per l’anno scolastico 2015/16, domanda volontaria di trasferimento per l’intero comune o distretto sub comunale del domicilio dell’assistito o, in assenza di posti richiedibili, per il comune o il distretto sub comunale viciniore a quello del domicilio dell’assistito con posti richiedibili Per posto richiedibile si intende l’esistenza nel comune di una istituzione scolastica corrispondente al ruolo di appartenenza dell’interessato, a prescindere dall’effettiva vacanza di un posto o di una cattedra assegnabile per trasferimento al medesimo..

Quanto sopra non si applica qualora la scuola di titolarità comprenda sedi (plessi, sezioni associate) ubicate nel comune o distretto sub comunale del domicilio del familiare assistito.

Da una lettura della normativa, quindi, la prima cosa da prendere in considerazione non è la tua residenza ma il domicilio dell’assistito.

Se tuo marito è domiciliato ad Albano Laziale allora non dovrai fare nulla.

Se, invece, come sembra dal quesito, la domiciliazione è a Rocca di Papa e lì non ci sono scuole richiedibili, dovrai obbligatoriamente produrre domanda di trasferimento per il comune o il distretto sub comunale viciniore a quello del domicilio dell’assistito con posti richiedibili. Che mi pare di capire sia Grottaferrata.

Solo così potrai essere esclusa dalla graduatoria.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads