Mobilià neoimmessi in ruolo 2014/15: guida compilazione domanda

Concetta – Gentilissima Lalla, ho alcuni dubbi per la domanda di mobilità.

1) Sono neo immessa in ruolo da settembre 2014 e presto regolarmente servizio in una scuola, per avere la sede definitiva, devo indirizzare la domanda alla scuola in cui presto attualmente servizio? Non all’ufficio scolastico provinciale competente?

Lalla – La domanda va indirizzata all’Ufficio Scolastico. Quando tu la compili on line sarà la scuola in cui presti servizio a riceverla, la controllerà (ti chiamerà anche per renderti conto di questa operazione) e la trasmetterà all’Ufficio Scolastico.

2) Nelle preferenze, si devono scegliere al massimo 20 scuole per la primaria (non distretti, comuni, ecc.)?

Lalla – Le preferenze possono essere anche

c) distretto;
d) comune;
e) provincia;

Per il neo immesso in ruolo

è superfluo inserire il codice provincia nelle preferenze, in quanto ci si trova già nella condizione di "docenti dell’organico provinciale senza sede", pertanto se attraverso l’elaborazione informatica non si riuscirà ad avere la sede tra le preferenze espresse, si procederà al trasferimento d’ufficio, che prende in cosiderazione tutte le scuole della provincia.

Come si procede per il trasferimento d’ufficio

A tal fine, seguendo l’ordine di graduatoria con cui gli stessi partecipano al movimento, a ciascun aspirante viene assegnata d’ufficio la prima sede disponibile in ambito provinciale, per una delle tipologie di posto richieste nella domanda seguendo la tabella di viciniorietà, a partire dal comune relativo alla prima preferenza valida espressa.

Qualora la prima preferenza sia

  • un grande distretto si prende come comune di partenza il comune sede di distretto
  • Nel caso, invece, sia un grande comune si prende il primo distretto del comune
  • se la preferenza è un centro territoriale che si riorganizzerà nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti ai sensi di quanto disposto dal D.P.R. 29 ottobre 2012 n. 263, si considera il comune del centro territoriale;
  • per le preferenze provincia, D.O.S. si considera come comune di partenza il comune del capoluogo di provincia.

In mancanza di disponibilità sulle tipologie di posto suddette i docenti della scuola primaria titolari su tipologia di posto comune e i docenti della scuola secondaria di primo grado titolari su classe di concorso partecipano d’ufficio sui posti di istruzione per l’età adulta seguendo la tabella di viciniorietà dei comuni in cui vi siano centri territoriali che si riorganizzeranno nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti ai sensi di quanto disposto dal D.P.R. 29 ottobre 2012 n. 263 a partire dal comune relativo alla prima preferenza valida espressa.

Approfondimento sulle preferenze Mobilità: quante sedi e province si possono indicare? Differenza nelle preferenze

3) L’anno di prova in corso va considerato ai fini dell’attribuzione del punteggio? Va inserito nell’anzianità di sevizio? (anni di sevizio nel ruolo di appartenenza) Ringrazio per la vostra professionalità

Nella sezione D tabella di valutazione anzianità di servizio nella

CASELLA N. 1 vanno riportati gli anni di servizio effettivamente prestati dopo la decorrenza giuridica della nomina nel ruolo DELLA PRIMARIA.

Non si deve tenere conto dell’anno scolastico in corso (2014/15). Pertanto il neo immesso in ruolo scrive 0 o lascia in bianco. Ti invito a consultare la scheda Trasferimenti scuola primaria: guida compilazione. Come si calcolano i 180 giorni, supplenze pre ruolo, insegnamento lingua straniera

e in generale lo speciale di OrizzonteScuola.it Mobilità 2015: Guide, consulenza, normativa

Mobilità insegnanti, ATA, personale educativo di ruolo 2015. Guide, scadenze, consulenza, sentenze

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads