Mobilità: l’anno in corso in assegnazione non fa venire meno il diritto alla continuità

Antonio – sto producendo la domanda di mobilità interprovinciale e ho un dubbio che riguarda il conteggio degli anni di servizio di ruolo continuativi. Sono attualmente titolare nella scuola A dall’A.S.2007/2008, e vi ho prestato servizio ininterrottamente fino al 31/08/2014. Lo scorso anno ho presentato MA NON OTTENUTO domanda di passaggio di cattedra. Dal 01/09/2014 sono in assegnazione provvisoria presso la scuola B. Domanda: ho diritto ad inserire n.7 anni nella casella n.4 della Sezione D (Anni di servizio di ruolo continuativi nella classe di concorso e nell’istituto di titolarità) della domanda di trasferimento? Se sì, dovrò produrre l’allegato F? Il mio dubbio deriva dal fatto che non capisco se, in questo caso, l’anno in corso vada o meno considerato. Vi ringrazio anticipatamente per l’attenzione e la consulenza.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Antonio,

puoi far valere il punteggio di continuità nella domanda di mobilità.

Primo perché la continuità si perde solo se si ottiene il trasferimento o l’assegnazione (escluso ovviamente il caso dei perdenti posto), e la sola domanda presentata non fa venire meno il diritto; secondo perché bisogna contare il servizio fino al 31/8/2014.

Pertanto la continuità non la perde chi come te è quest’anno in assegnazione o per esempio in aspettativa non retribuita e non riconosciuta come effettivo servizio.

L’anno in corso, infatti, non si conta a nessun fine.

Nel caso non dovessi ottenere il trasferimento perderai la continuità nell’attuale scuola di servizio.

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads