Graduatoria interna: può essere escluso il dipendente che presta assistenza alla zia?

Scuola – Salve abbiamo il caso di una docente che presta assistenza alla zia (sorella del papà) come referente unico a portatore di handicap permanente in situazione di gravità  Il  punto V dell’art.7  sta scritto che  all’assistenza al coniuge, ed al figlio con disabilità. assistenza da arte del figlio referente unico al genitore con disabilità, assistenza da parte di chi esercita la tutela Legale. La docente sopra descritta non rientra in nessun caso sopra esposto però è la nipote ed è referente unico per assistere. Nella graduatoria interna di istituto la docente deve essere esclusa?

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

l’esclusione dalla graduatoria interna di istituto è per il dipendente che opera assistenza al coniuge, al figlio (precedenza per entrambi i genitori), al fratello/sorella (a determinate condizioni) e a chi esercita la tutela legale. È inoltre prevista, a determinate condizioni, per l’assistenza al genitore (precedenza per il figlio referente unico).

Pertanto non essendo prevista l’esclusione per assistenza ad altri familiari al di fuori di quelli menzionati, il dipendente in questione rimane incluso nella graduatoria.

L’unico che può essere escluso per assistenza a familiari diversi da quelli citati è il tutore legale.

La figura del “tutore legale” (assegnata con un preciso mandato dal giudice del tribunale competente) è riferita infatti anche all’assistenza di altri soggetti, non necessariamente del solo figlio (quindi anche di un adulto). Si può quindi assistere uno zio, un cugino ecc. purché ci sia un preciso mandato dal giudice del tribunale competente.

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads