Mobilità: quando è possibile che indicando le stesse sedi venga assegnata una cattedra interna al collega con meno punti di me

Roberta -Chi nella domanda di trasferimento, nella sezione F – Preferenze, inserisce l’opzione “cattedre orario tra istituti dello stesso comune e cattedre orario tra istituti di comuni diversi” (35 B), indica questa come prima opzione o ANCHE questa in mancanza di una cattedra intera in un solo istituto? Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissima Roberta,

una domanda molto frequente dopo che pubblicano i trasferimenti è: io e la mia collega X abbiamo inserito le stesse sedi ma lei ha avuto la cattedra intera nonostante abbia meno punti di me. Come è possibile?

Questa la spiegazione che risponde anche alla tua domanda.

Nei modelli di domanda per i tipi di posto sono previste 3 opzioni: “

  • “Nessuna selezione” : il docente chiede solo cattedre orario interne
  • “Cattedre tra scuole di uno stesso comune”: il docente chiede anche cattedre orario esterne tra scuole dello stesso comune.
  • “Cattedre tra scuole su comuni diversi”: il docente chiede anche cattedre orario esterne tra scuole dello stesso comune e cattedre orario esterne tra scuole di comuni diversi.

E’ importante precisare che le due opzioni per cattedre orario esterne non escludono la richiesta di cattedre orario interne. Infatti per ogni preferenza espressa verranno esaminate in stretto ordine sequenziale le seguenti disponibilità

a) le cattedre interne

b) le cattedre orario esterne con completamento nello stesso comune

c) le cattedre orario esterne con completamento in comuni diversi

ATTENZIONE: per chi comunque non richiede le sole cattedre intere è utile sapere quanto segue.

Esempio trasferimento: il docente X con 200 punti esprime la preferenza A e successivamente la preferenza B.

Il docente Y con punti 100 esprime le stesse preferenze.

Il sistema per ogni preferenza verifica la possibilità di cattedre interne; cattedre orario esterne con completamento nello stesso comune; cattedre orario esterne con completamento in comuni diversi rispetto alle preferenze espresse.

Poniamo il caso che il docente X indichi “cattedre orario esterne con completamento nello stesso comune” e che la prima preferenza ha un completamento con un’altra scuola dello stesso comune.

Cosa succede?

Succede che dal momento che il docente X ha espresso la volontà di essere assegnato anche su cattedra orario esterna viene subito soddisfatto sulla prima sede scelta che ovviamente non ha cattedre intere ma che ha appunto una COE ovvero un completamento orario con altra scuola. NON VENGONO COSÌ ANALIZZATE LE SEDI SUCCESSIVE che in teoria potrebbe anche avere cattedre intere.

In poche parole, se nella seconda sede indicata dal docente esiste una cattedra intera questa non viene analizzata dal sistema perché il docente è stato già soddisfatto nella prima sede scelta.

È per questo che a volte può accadere che al docente con meno punti venga assegnata una cattedra intera e quello con più punti una cattedra orario esterna.

Questo perché il docente X è stato comunque soddisfatto nella scelta della sede espressa (aveva infatti indicato la volontà del completamento).

Posted on by nella categoria Mobilità
Versione stampabile
ads ads