Graduatoria interna: art. 21 legge 104/92 ed esclusione. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Gentilissimi, oggi un’insegnante di scuola dell’infanzia ci ha presentato una domanda per non essere inclusa nella graduatoria interna d’istituto allegando un certificato ai sensi della legge 104/92 art. 3 comma 1 ed un certificato con il 67% di invaliditá civile. Si chiede se sono valide le due certificazioni ai fini dell’esclusione dalla graduatoria interna per l’individuazione dei soprannumerari, oppure se é necessario l’art. 3 comma 3 della legga 104/92. Nel ringraziare per la gentile risposta si porgono i più cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

ai sensi dell’art. 7/2 del CCNI 2016 sono esclusi dalla GI i dipendenti che rientrano nel punto III art. 7/1:

disabili di cui all’art. 21, della legge n. 104/92, richiamato dall’art. 601 del D.L.vo n. 297/94, con un grado di invalidità superiore ai due terzi o con minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella “A” annessa alla legge 10 agosto 1950, n. 648

Il successivo art 9 precisa che per le persone disabili che si trovano nelle condizioni di cui all’art. 21, della legge n. 104/92 è necessario che risulti chiaramente, anche in certificazioni distinte, la situazione di disabilità e il grado di invalidità civile superiore ai due terzi o le minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella A) annessa alla legge 10.8.50, n. 648, riconosciute al medesimo.

Dal momento che l’art 21 della legge 104/92 non prevede la disabilità grave (presente solo nell’art. 3 comma 3) e che il CCNI non potrebbe prevedere diversamente dalla legge citando appunto in modo generale la disabilità, la docente ha diritto all’esclusione dalla graduatoria interna rientrando a pieno titolo nell’art. 21 citato.

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads