Supplenza ATA e vacanze Pasquali

Stefano – Sono un assistente tecnico supplente temporaneo. Ho iniziato la supplenza a novembre 2014. L’ultimo certificato inviato dal titolare va dal 20 marzo all’11 aprile 2015 ho sottoscritto un contratto di proroga che arriva al giorno 1° aprile (ultimo giorno di lezione prima delle vacanze pasquali visto che il certificato di malattia non copre i 7 giorni dopo il periodo di interruzione delle lezioni). Ho diritto ad un nuovo contratto per il periodo 8 aprile – 11 aprile oppure il dirigente ha discrezione in merito. Grazie

di Giovanni Calandrino – Gentile Stefano, l’art. 60 – Rapporto di Lavoro a Tempo Determinato – del CCNL Comparto Scuola afferma che al personale ATA si applicano le disposizioni di cui ai commi 2, 3 e 4 dell’art. 40 del suddetto CCNL.

L’interpretazione ufficiale fornita dall’Aran ha chiarito ogni dubbio circa il quesito in questione.

L’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni ha affermato che la continuità dell’assenza vale di per sé nella sua sostanza senza che nei fatti sia legata all’esibizione di un’unica certificazione;

l’interpretazione dell’Aran proferisce, a proposito di “oggettiva continuativa assenza del titolare, indipendentemente dalle sottostanti procedure giustificative dell’assenza del titolare medesimo”.

Quindi non c’è dubbio che nel contratto del supplente, nell’ipotesi in cui vi sia un’assenza del titolare senza soluzione di continuità “per uno spazio temporale che inizi da una data anteriore di almeno 7 giorni la sospensione delle lezioni e cessi ad una data non inferiore a 7 giorni successive alla ripresa delle medesime” debba essere anche ricompreso il periodo di sospensione dell’attività didattica e quindi la relativa retribuzione delle vacanze pasquali.

Nella fattispecie richiamata non resta che accertare l’effettiva continuità dell’assenza del titolare nel periodo antecedente e seguente una sospensione delle attività didattiche e che vi sia in ogni caso il requisito dei sette giorni così come richiamato dall’attuale comma 3 dell’art. 40 del CCNL vigente.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads