Graduatoria interna personale ATA: servizio di ruolo svolto negli Enti Locali e continuità di servizio nella scuola di titolarità

Scuola – Un Collaboratore Scolastico è in servizio di ruolo nel nostro Istituto dal 1995 a tutt’oggi con servizio così suddiviso:  Dal 1955 al 2000 alle dipendenze dell’Ente locale – ruolo come bidello. dal 2000 a tutt’oggi come Collaboratore Scolastico di ruolo nella scuola. Vorrei sapere se servizio va conteggiato tutto come anzianità di servizio nel punto A) della scheda dei soprannumerari o va distinto in altri punti del modello (es.  Punto C) ? E per quanto riguarda la continuità, siccome il servizio è stato sempre prestato  nella stessa scuola anche quando era alle dipendenze (e nello stesso profilo) dell’ente Locale come va calcolato? E in quali punti del modello?

Paolo Pizzo  – Gentile scuola,

il punto A) del’allegato F del CCNI 2015 dispone che per ogni mese o frazione superiore a 15 giorni di servizio effettivamente prestato successivamente alla decorrenza giuridica della nomina nel profilo professionale di appartenenza (da computarsi fino alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda) siano attribuiti 2 pp.

Poi alla nota a) si chiarisce che tale punteggio spetta non solo al personale ATA già statale, ma anche  a quello proveniente dagli Enti Locali.

Pertanto il servizio di cui al quesito è tutto da inserire nel Punto A.

Si precisa che il servizio svolto nell’Ente Locale così valutato non va poi nuovamente inserito nel punto C, infatti la lettera b precisa che per il punto C: Tale servizio è riconosciuto sia al personale ATA già statale, che a quello proveniente dagli Enti Locali: per quest’ultimo personale, ovviamente, non deve essere di nuovo valutato il servizio di cui alla lettera A) e B).

Per ciò che riguarda la continuità del servizio bisogna fare escluso riferimento alla nota 4 della stessa tabella in cui non è prevista la continuità dagli Enti locali alla scuola statale, pertanto al collaboratore spetta esclusivamente quella maturata nella scuola statale:

Ai fini del calcolo del punteggio di perdente posto si prescinde dal computo del triennio. Si precisa che per l’attribuzione del punteggio devono concorrere, per gli anni considerati, la titolarità nel profilo di attuale appartenenza (per gli assistenti tecnici indipendentemente dall’area professionale di titolarità) ed eventualmente nel ruolo o nei ruoli confluiti nel medesimo profilo (con esclusione pertanto sia del periodo di servizio pre-ruolo sia del servizio coperto da decorrenza giuridica retroattiva della nomina) e la prestazione del servizio nella scuola di titolarità.

Posted on by nella categoria Graduatorie ATA
Versione stampabile
ads ads