Congedo biennale e computo dei giorni festivi. Chiarimenti per la scuola

Scuola – chiedo gentilmente un chiarimento sulle modalità di calcolo dei giorni del congedo biennale per assistenza figli/genitori disabili L.104/92: i giorni festivi compresi nella richiesta di congedo come vengono calcolati? Si debbono  decurtare? Si chiede cortesemente la normativa di riferimento poiché  c’è discordanza tra l’interpretazione dell’ufficio e quella del personale interessato . Certi della vostra consueta puntualità e precisione si porgono distinti saluti.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

il dubbio se includere o meno i festivi in conto congedo potrebbe nascere solo in riferimento ad un congedo fruito in modo frazionato, ma non certo quando il congedo è richiesto dal…al….includendo quindi tutti i giorni, compresi quindi i festivi. In questo caso non è infatti possibile escludere nessun giorno della settimana o comunque compreso nell’arco temporale in cui il docente è in congedo.

Questo è un principio che vale per qualsiasi assenza.

A mo’ di esempio per la fruizione del congedo parentale il CCNL/2007 all’art. 12/6 precisa che in caso di fruizione continuativa del congedo, sono compresi anche gli eventuali giorni festivi che ricadano all’interno degli stessi. E che tale modalità di computo trova applicazione anche nel caso di fruizione frazionata, ove i diversi periodi di assenza non siano intervallati dal ritorno al lavoro del lavoratore o della lavoratrice.

Infatti di solito il problema di calcolo nasce quando il congedo è fruito in modo frazionato e non continuativo.

A tal proposito la circolare INPDAP 28.12.2011, N. 22 dispone che

Ai fini della frazionabilità del congedo biennale, tra un periodo e l’altro di fruizione, è necessaria, affinché non vengano computati nel periodo di congedo i giorni festivi, i sabati e le domeniche, l’effettiva ripresa del lavoro. Il requisito della ripresa del lavoro non è richiesto nei casi di domanda di congedo dal lunedì al venerdì (cfr. nell’ipotesi di settimana corta, il sabato e la domenica antecedenti la ripresa del lavoro non sono conteggiati, sempreché non si presenti una nuova richiesta di congedo dello stesso tipo per il lunedì successivo), né nella fruizione di ferie oppure malattia in prosieguo. In questo caso, cioè nell’ipotesi di giorni di ferie collocate immediatamente dopo il congedo, con una ripresa quindi dell’attività lavorativa, le giornate festive ed i sabati (in caso di settimana corta) non vanno computate in conto congedo.

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads