Graduatorie interne: continuità valutata fino al 31/8/2014 e anno sabbatico

Aride – le scrivo per sottoporle il seguente quesito. Sono un docente entrato in ruolo nell’a.s. 1985/86  a seguito di concorso ordinario ed ho prestato servizio nella stessa scuola per 29 anni, ad esclusione dell’a.s. in corso (2014/2015) in cui sto fruendo dell’anno sabbatico. Considerato che ai fini della graduatoria interna di Istituto non si conta l’anno in corso, il punteggio di continuità e’ da calcolare sui 29 anni (dal 1985/86 fino al 2013/2014)? E nella graduatoria interna (stesso Istituto) del prossimo anno scolastico (2015/2016), a seguito dell’anno sabbatico del corrente anno, avrò ancora il punteggio di continuità? La ringrazio per la cortese risposta e le auguro Buona Pasqua!

Paolo Pizzo – Gentilissima Aride,

la continuità del servizio va calcolata dalla scuola fino al 31/8/2014 con esclusione dell’anno in corso.

Inoltre ricordiamo quali sono le assenze che non interrompono la continuità:

Il punteggio della continuità spetta anche ai docenti comandati in istituti diversi da quello di titolarità su cattedre ove si attua la sperimentazione a norma dell’art. 278 del D.L.vo n. 297/94, ai docenti utilizzati a domanda o d’ufficio, sui posti di sostegno anche in scuole o sedi diverse da quella di titolarità, ai docenti della scuola primaria utilizzati come specialisti per la lingua straniera presso il plesso o fuori del plesso di titolarità, ai docenti utilizzati in materie affini ed ai docenti che prestano servizio nelle nuove figure professionali di cui all’art. 5 del D.L. 6.8.1988, n. 323 convertito con modificazioni nella legge 6.10.1988, n. 426. Il punteggio in questione spetta anche ai docenti utilizzati a domanda o d’ufficio ai sensi dell’art. 1 del D.L.vo n. 35/93, in ruolo o classe di concorso diversi da quelli di titolarità.

Non deve essere considerata interruzione della continuità del servizio nella scuola di titolarità la mancata prestazione del servizio per un periodo di durata complessiva inferiore a 6 mesi in ciascun anno scolastico.

L’anzianità di servizio ai fini del calcolo degli anni di continuità nella stessa scuola va attribuito anche in tutti i casi in cui il periodo di mancata prestazione del servizio nella scuola o plesso di titolarità è riconosciuto a tutti gli effetti dalle norme vigenti come servizio validamente prestato nella medesima scuola. il punteggio per la continuità del servizio deve essere attribuito nel caso di assenze per i seguenti motivi:

  • per malattie;
  • congedo biennale legge 104/92;
  • per gravidanza e puerperio, compresi i congedi di cui al D.L.vo n. 151/01 (congedi parentale e per malattia del figlio);
  • per servizio militare di leva o per il sostitutivo servizio civile;
  • per mandato politico ed amministrativo;
  • nel caso di utilizzazioni, di esoneri dal servizio previsti dalla legge per i componenti del CNPI, di esoneri sindacali, di aspettative sindacali ancorché non retribuite;
  • per incarico della presidenza di scuole secondarie;
  • per esonero dall’insegnamento dei collaboratori dei dirigenti scolastici;
  • per esoneri per la partecipazione a commissioni di concorso;
  • per collocamento fuori ruolo ai sensi della legge 23.12. 1998, n. 448, art. 26, comma 8 per il periodo in cui mantengono la titolarità ai sensi del D.L. 28/8/2000, n. 240, convertito con modificazioni nella legge 27/10/2000, n. 306;
  • per il servizio prestato nelle scuole militari.

Per la scuola primaria il trasferimento tra i posti dell’organico funzionale (comune e lingua) nello stesso circolo non interrompe la continuità di servizio.

In conclusione avrai il punteggio di continuità nella graduatoria interna di questo anno ma ti verrà poi azzerato il prossimo anno in quanto  nell’anno scolastico 2014/15 hai fruito di un’aspettativa per la quale non è previsto il mantenimento del punteggio in questione e a causa della quale non hai prestato un servizio di almeno 180 gg.

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads