Maternità e indennità fuori nomina. Chiarimenti per la scuola.

Scuola – Buongiorno, gradirei chiarimenti sull’indennità di maternità, esponendo il seguente caso. E’ stata nominata una supplente per 12/18 su una assenza dal 17/04/2015 al 30/06/2015. Tale supplente è in astensione obbligatoria per maternità (in gestazione con data presunta parto 13/04/2015  ma a tutt’oggi non ha ancora partorito) . Dal  1° luglio 2015 come andrà trattata? Fino a quando sarà in carico alla scuola e con quale corresponsione? Ringraziando, cordiali saluti.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

la docente in questione percepirà per tutta la durata del contratto una indennità di maternità pari al 100% perché sotto contratto con il riconoscimento pieno del punteggio e il versamento dei relativi contribuiti.

Dal termine del contratto deve essere collocata in indennità fuori nomina all’80% dell’ultimo stipendio ricevuto.

Tale indennità, non utile ai fini della maturazione del punteggio, deve essere corrisposta fino al termine del periodo di congedo obbligatorio ovvero fino a 3 mesi dopo il parto (metà luglio…non conoscendo attualmente la data precisa del parto).

Il pagamento dell’indennità di maternità fuori nomina è di competenza del MEF e il codice è N 18.

Se la scuola trova difficoltà con la trattazione automatica dovrà inviare il provvedimento cartaceo alla la Direzione Provinciale del Tesoro per la relativa regolarizzazione (MIUR, nota n. 24056 del 19 dicembre 2007).

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads