Permessi per aggiornamento e formazione: 5 gg. di assenza anche per corsi non organizzati dal MIUR

Silvia – mi chiamo Silvia Testa, sono docente di Scuola Primaria inserita in II fascia. Sto da ieri effettuando una supplenza che si protrarrà probabilmente fino a fine A.S. Un paio di mesi fa mi sono iscritta ad un corso di preparazione per la Certificazione DITALS I, organizzato dall’Unione Europea, dalla Regione Lombardia e dal Ministero degli Interni, nell’ambito del progetto Vivere in Italia. Da qui a fine maggio sono previsti due pomeriggio di lezione e una giornata per l’esame. Ho chiesto se potevo prendere permesso per formazione ma mi è stato risposto in via informale che siccome il corso non è organizzato dal MIUR, le mie assenze non potranno essere considerate permesso per formazione. Il DITALS è una certificazione per l’insegnamento dell’Italiano agli stranieri e ritengo che sia inerente al mio status di insegnante di scuola primaria.

Paolo Pizzo – Gentilissima Silvia,

la scuola deve concentrarsi sull’art. 64/5 del CCNL/2007 che è un’eccezione ai commi precedenti senza entrare nello specifico: “Gli insegnanti hanno diritto alla fruizione di cinque giorni nel corso dell’anno scolastico per la partecipazione a iniziative di formazione con l’esonero dal servizio e con sostituzione ai sensi della normativa sulle supplenze brevi vigente nei diversi gradi scolastici”.

Pertanto potrai fruire del permesso per aggiornamento e formazione la cui giornata è retribuita per intero.

Dovrai solo accertarti quali criteri abbia stabilito il dirigente scolastico per la fruizione di detti permessi in quanto il comma 13 dello stesso articolo precisa che compete al dirigente scolastico stabilire i criteri per la fruizione del permessi per l’aggiornamento, di cui fornisce un’informazione preventiva in sede di contrattazione di istituto ai sensi dell’art. 6/2 lett. d) del contratto medesimo.

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads