Progressione economica stipendiale e fasce stipendiali

Concetta – Spett. le Redazione, nel ringraziarvi per il prezioso servizio che fornite ai docenti, chiedo gentilmente il vostro aiuto affinché possiate chiarire la mia situazione, alla luce dei continui cambiamenti in materia di scatti. Sono docente di lettere nella Scuola Secondaria di I Grado. Sono stata immessa in ruolo il 01-09- 2011 con retrodatazione giuridica al 01-09-10; ho svolto e superato l’anno di prova nell’a.s. 2011-2012. Il mio servizio pre-ruolo è di 3 anni sempre lavorato con cattedra annuale (a.s. 2007-2008; 2008-2009; 2009-2010). In considerazione del riconoscimento del pre-ruolo, al primo settembre 2010, dovrei aver maturato il diritto all’inserimento nella pre-esistente fascia stipendiale 3/8. Vorrei sapere se, nella ricostruzione di carriera (che ancora la segreteria della scuola dove lavoro non mi ha rilasciato, nonostante la mia domanda presentata ad ottobre del 2012) viene applicato il meccanismo degli scatti con la vecchia fascia stipendiale 3/8 o se rientro nella nuova fascia 0/8 (art.2 comma2 del CCNL del 4/8/2011), inoltre vorrei sapere se dovessi rientrare nella nouva fascia, quando maturo il primo scatto?? (in teoria secondo il mio conteggio il 01-09-2015 ma forse se non ho capito male dovrebbe essere il 01-09-2016 perchè l’anno 2013 non vale?). Grazie mille.

FP – Gentile Concetta,

il CCNL del 4/8/2011, ha di fatto unito le prime due fasce stipendiali (0/2 e 3/8). La prima domanda che sorge spontanea è la segente: a chi applicare il CCNL 4/8/2011?

La tabella del CCNL del 4/8/2011, si applica:

– al personale immesso in ruolo a decorrere dal 1/9/2011;
– al personale in servizio a tempo indeterminato alla data del 1/9/2010 inserito o che abbia diritto all’inserimento nella ex fascia stipendiale 3 – 8 conserva “ad personam” il maggior trattamento economico sino alla data del conseguimento della fascia stipendiale 9- 14;
– al personale già in servizio a tempo indeterminato alla data del 1/9/2010,  inserito nella fascia stipendiale 0 – 2 conserva il diritto a percepire “ad personam” al compimento del periodo di permanenza in detta fascia il maggior trattamento economico corrispondente alla ex – fascia 3 – 8, fino alla data del conseguimento della posizione stipendiale 9 – 14.

Per quanto concerne il suo caso, le segnalo parte della Nota dell’Aran del 8/10/2013:
“Infatti, alla data di sottoscrizione del CCNL (4 agosto 2011), la lavoratrice non era in servizio a tempo indeterminato al 1° settembre 2010, né aveva maturato il diritto all’inserimento nelle preesistenti posizioni stipendiali.

Essendo la docente stata assunta il 1° settembre 2011, pur avendo ottenuto la retrodatazione della nomina agli effetti giuridici al precedente 1° settembre 2010, la medesima non può quindi accedere al beneficio di alcuna delle sopra esposte clausole di salvaguardia, atteso che, per il personale docente la ricostruzione di carriera è riconosciuta solo con decorrenza dalla data di conferma in ruolo e, quindi, senza alcun effetto retroattivo. In altri termini, il periodo 1.9.2010/31.8.2011 (la docente in questione è stata confermata in ruolo il 1° settembre 2012 dopo l’ anno di prova) incide unicamente sul calcolo degli anni utili alla ricostruzione, fermo restando che l’accesso alla posizione stipendiale  avviene solo dal 1 settembre 2012. Per i motivi suddetti, si ritiene che nel caso di specie non sia possibile il riconoscimento della salvaguardia contrattualmente prevista.”

Pertanto, considerato quanto affermato dall’Aran, la sua progressione economica stipendiale, segue le fasce stipendiali indicate nel CCNL del 4/8/2011.

Matura la fascia stipendiale 9/4 al 1/9/2017, tenuto conto dell’attuale blocco dell’anno 2013.

Posted on by nella categoria Stipendio
Versione stampabile
ads ads