Esami di Stato II grado: contratto per chi arriva al termine delle lezioni. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Buongiorno, una docente a tempo determinato per supplenza breve fino al termine delle lezione viene nominata commissario interno esami di stato as. 2014/2015. Domanda dal 15 giugno insediamento commissioni esami di stato la docente risulta esterna all’amministrazione, come fare il contratto, con quale codice, paga la scuola o la ragioneria? Cordialità dalla segreteria dell’Istituto.

Fascia stipendiale agosto 2016

Piero  – Buonasera. insegno alla Scuola Secondaria di Potenza. Sono stato immesso in ruolo nell’Anno Scolastico 2006/07 per la classe di concorso A043, con sette anni di servizio pre-ruolo. Mi è stata fatta la regolare pratica di ricostruzione della carriera e dal 01.09.2009 sono stato inquadrato nella fascia stipendiale 9/14. La mia scadenza originaria per la 15/20 era agosto 2015. Il DL 78/2010 di Tremonti l’aveva fatta slittare ad agosto 2017. Ora che le annualità 2010-2011-2012 sono state recuperate, ma rimane bloccato il 2013, Vi chiedo: quale sarà la nuova scadenza? Confido in una Vostra risposta.

Il servizio pre – ruolo riconosciuto ai fini della progressione della carriera non può mai essere a soli fini giuridici

Scuola – Si pone il seguente quesito: i servizi “validi ai soli fini giuridici” sono utili ai fini della ricostruzione della carriera? Se la risposta dipende dalla motivazione di tale tipo di nomina si specifica i due casi: Un caso il servizio valido ai soli fini giuridici è dovuto al fatto che la supplente era in astensione obbligatoria; Nell’altro caso il servizio valido ai soli fini giuridici è dovuto ad  una nomina nell’a.s. 2000/01 quando le graduatorie permanenti definitive furono pronte ad a.s. già avviato e fu emesso il D.L. 16 del 19/02/01 con il quale si salvaguardava i supplenti già nominati con una nomina giuridica. La segreteria.

Sentenza e ricostruzione carriera

Assistente amministrativa – Salve, sono un’assistente amministrativa della provincia di Campobasso, il mio quesito riguarda la valutazione di un servizio riconosciuto a seguito di sentenza del TAR Molise, come si valuta tale servizio ai fini della ricostruzione di carriera? In pratica il dipendente ha fatto ricorso per una supplenza conferita ad altri, avendone diritto e non interpellato. In attesa di una risposta, distinti saluti.

Arretrati con decorrenza 31/12/2015

Gaetanina  – salve , sono una docente di ruolo dal 10-09.1984 + 4 anni di pre ruolo, mi trovo in classe 28 e il mio scatto di anzianità era previsto il 31.12.2015, poi è diventato credo 2019, poi 2017 , adesso sul cedolino di aprile 31.12.2016. questa data sarà rispettata e avrò diritto ad arretrati visto che la mia data di scatto era la 2015? se si, avro’ diritto ad arretrati quando? con quale modalità riceverò la vostra risposta? con e mail o devo consultare il sito ? Grazie

INPS ed estratto contributivo

Tiziana – Gentile redazione, sono un’insegnante della scuola primaria prossima alla pensione. Dai calcoli effettuati dovrei andare a settembre del 2017 . Dall’estratto contributivo  INPS non risultano due anni di preruolo prestati come assistente di scuola materna con incarico a tempo indeterminato e uno di insegnante di scuola materna. E’ presente solo un breve periodo di quegli anni quantificato in poche settimane di contributi. Sono in possesso di certificati di servizio attestanti quei periodi e anche un decreto di ricostruzione carriera richiesto  per  fini economici dove compaiono i servizi prestati in quegli anni. Questa assenza dei contributi versati costituirà un problema al momento della richiesta di pensionamento? E nel caso cosa dovrei fare? A chi rivolgermi?  Sentiti ringraziamenti per i preziosi suggerimenti Tiziana.

“Quota 96” soddisfatta nel 2012

Irene – Sono un’insegnante di scuola primaria , nata il 15 dicembre 1951,  in servizio di ruolo dal 10 settembre 1982 e con 3 anni, 11 mesi e 26 giorni di servizio pre ruolo. A questi vanno aggiunti 10 mesi per congedo maternità di n° 2 figli (periodo corrispondente al congedo di maternità, verificatisi al di fuori del rapporto di lavoro, già riconosciuti); invalida civile dalla nascita, ma con riconoscimento di aggravamento (del 75%) dal  2 ottobre 2009. Le chiedo: con i requisiti sopra elencati quando maturerò il diritto di andare in pensione di anzianità? E di vecchiaia? FACCIO PARTE ANCH’IO DEI FAMOSI QUOTA 96? Grazie e cordiali saluti IRENE.

Pensione ed invalidità superiore al 74%

Anna  – Sono un’assistente amministrativa nata il 06/01/1957  con  31 anni di anzianità al 01/10/2015. Inoltre sono invalida civile  così riconosciuta: Dal 1992 al 2013  al 68%   Legge 104/92 art. 3 comma 1; Dal 2014  invalidità al  90% con Legge 104/92  art. 3 comma 3 . Vorrei cortesemente sapere  se  con questa   invalidità  posso usufruire della deroga  prevista nei nuovi requisiti di pensionamento 2016. Vorrei sapere inoltre se ho diritto  allo scivolo previsto dalla Legge 388/2002 di due mesi per ogni anno di servizio fino a  un massimo di 5 anni contributivi. Grazie, cordiali saluti.

Diritto alla pensione anticipata nel 2018, con decorrenza 1/9

Laura – Buongiorno,sono Laura,collaboratrice scol.  da settembre 2000. Sono nata il 14/03/60.Al 31/12/2015 ho 39 anni 7 mesi e 16giorni e vorrei sapere quando posso andare in pensione.( Sono invalida civile al 46%). Nell ‘arco della mia vita lavorativa ho fatto l’operaia e la commerciante e da settembre 2000 lavoro nella scuola. La ringrazio anticipatamente.

Ricostruzione della carriera e servizio come Contrattista o Assegnista

Scuola – Buongiorno sto facendo la ricostruzione  della carriera ad una nostra insegnante di scuola dell’infanzia, la signora ha lavorato per 8 mesi e 26 giorni (in anni diversi) c/o l’universita della valle d’Aosta in qualità di “docente a contratto” , contratto configurato come collaborazione coordinata e continuativa e dal 2009 al 2013 c/o l’università sacro cuore di Milano come assegnista di ricerca. quando ho avviato il calcolo della ricostruzione ho inserito come NON valido il periodo da assegnista perché secondo me non valido,  gli altri servizi li ho lasciati come VALIDI… ho letto e riletto l’art. 485 del decreto l.vo 297 … la mia domanda è: la procedura che ho effettuato è giusta oppure visto che questa università non è statale i periodi non sono validi? vi ringrazio sin da ora per la risposta. cordiali saluti.

Mobilità: neoimmessi in ruolo partecipano alla II fase dei movimenti

Maria – vorrei sapere chi ha la precedenza tra i neo immessi in ruolo e i trasferimenti dalla stessa provincia o da province diverse. Nello specifico sono l’unica immessa in ruolo per la mia classe di concorso e ci sono tre cattedre disponobili. Chi ha la precedenza fra me ed eventuali colleghi che chiedessero il trasferimento? Se possibile avrei bisogno degli estremi della legge. Vi ringrazio molto per la vostra attenzione.

Lalla – gent.ma Maria, la mobilità avviene in 3 fasi

Anno di prova per chi ha svolto la formazione lo scorso anno

Ileana – quest’anno sto svolgendo l’anno di prova,sono entrata in ruolo nel Settembre 2013, non ho fatto i 180 giorni perché in congedo parentale ma ho fatto il corso di formazione ottenendo il relativo attestato! ho capito, leggendo le diverse notizie, che non dovrò rifare il corso di formazione che va fatto una volta nella carriera…ma volevo chiedere procederó alla vecchia maniera con discussione della relazione finale e comitato di valutazione? sulla piattaforma non devo fare nulla? grazie

ITP, abilitazione, concorso

Susan – Sono una precaria 3a fascia GI laureata in scienze dell`Informazione nel 1998. Dato che con la BUONA SCUOLA rimarrò disoccupata pensavo di tentare il concorso 2015 come itp, mi sembra che con la mia laurea io sia abilitata alla classe c31. Ho capito bene? Potrei concorrere? Anche per un eventuale tfa su sostegno? Grazie.

I Presidi sceglieranno anche gli ATA?

Pasquale – vorrei avere delle informazioni a riguardo la riforma della buona scuola. Per quanto riguarda le graduatorie ata 3a fascia per l’ anno scolastico 2015-2016 la chiamata sui posti disponibili verra effettuata sempre da esse oppure ol dirigente scolastico non si basera piu sulle graduatorie’…….

Graduatorie III fascia ATA: la valutazione del diploma di laurea

Serena – Salve,già inserita nella precedente graduatoria di III fascia ata come collaboratore scolastico nel triennio 2011/14 con il titolo di accesso di diploma magistrale, chiedo se è valutabile come altro titolo di studio per la graduatoria del triennio 2014-2017 la laurea conseguita nell’a.s 2011-2012 in riferimento alla domanda di conferma.

Graduatorie III fascia ATA: proroga di contratto oltre il termine delle lezioni

Luigi – Lavoro dal mese di Novembre in una scuola statale come assistente amministrativo(III fascia)su astensione obbligatoria per 104, ogni mese mi viene prorogato il contratto e mi è stato riferito che il mese di giugno il mio contratto terminerà l’8 giugno (termine attivita’ didattiche) o al massimo il 18 giugno nonostante la persona che sostituisco resterà assente per l’intero mese di giugno e forse oltre. Il Dirigente scolastico ha la facoltà di interrompere il mio contratto e di non rinnovarlo nonostante l’assenza della titolare? Quali motivazioni possono addurre? Nel caso non possano fare ciò ,potrei avere qualche riferimento normativo per far valere i miei diritti?

Assegnazione provvisoria: anche chi è coniugato può scegliere di ricongiungersi ai figli o ai genitori

Rossella – L’art. 7 del CCNI sulle UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L’ANNO SCOLASTICO 2015/16 recita:L’assegnazione provvisoria può essere richiesta indifferentemente per uno dei seguenti motivi: – ricongiungimento al coniuge o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica; – ricongiungimento ai figli o agli affidati con provvedimento giudiziario; – gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da certificazione sanitaria; – ricongiungimento ai genitori. Dai forum di orizzonte scuola si chiarisce che una persona coniugata può chiedere ricongiungimento solo al coniuge. Perchè una persona coniugata non può chiedere assegnazione per ricongiungimento ai genitori ultra 65 o ai figli che risiedono in una provincia diversa da quella del coniuge? Che valore ha l’avverbio indifferentemente?

Supplenze: proroga per esami di maturità se nominati commissari interni

Serena  – Ho una supplenza temporanea di dieci ore, rinnovata di mese in mese da Ottobre 2014, fino a termine lezioni, però oltre agli scrutini avrò anche l’incarico di commissario interno per gli esami di maturità. La scuola può farmi un contratto senza interruzione? Eventualmente qual è il riferimento normativo? La ringrazio sentitamente.