Il destino degli insegnanti di terza fascia … stagionati

Pierfranco – Sono un insegnante di informatica di 50 anni ed appartengo alla terza fascia. Ho un contratto fino al 30 giugno in un istituto commerciale, classe di concorso A042. Io ho insegnato dal 1985 al 1994, dai miei 19 anni fino ai 28: si 19 anni, ero ancora studente universitario! Poi dal 1994 mi sono dedicato all’imprenditoria ed alla libera professione. Per alterne vicende personali oggi sono tornato alla scuola lasciando professione ed imprenditoria. Sono secondo in terza fascia, nella provincia di Treviso. La mia professionalità é molto alta, dirigente, colleghi e studenti mi stimano e mi vorrebbero anche il prossimo anno, ma non dipende da loro. A causa della mia lunga assenza dalla scuola sono oggi un precario, senza abilitazioni e senza aver vinto concorsi Cerco di seguire e capire cosa succederà’ con il DDL della Buona Scuola. Sapete per caso dirmi qualcosa? Cosa mi si prospetta? Cordialmente Ringrazio

Lalla – gent.mo Piefranco, il destino degli iscritti in terza fascia delle graduatorie di istituto non è legato all’età anagrafica, quindi la stagionatura non c’entra nulla. Semmai potrebbe influire l’età professionale, conteggiata in mesi/anni di servizio.

Come sai attualmente è in discussione in Parlamento il DDL Scuola, per cui non ci sono ancora risposte definitive, perchè dovremo attendere la sua stesura finale. Si può però affermare con certezza che le graduatorie di istituto non verranno eliminate (come invece prospettato dal documento La Buona Scuola del 3 settembre). In questo articolo spieghiamo perchè

Il DDL Scuola non cancella le graduatorie di istituto

Quanto alle possibilità concrete di supplenza, impossibile stabilirlo adesso. Come indicato nell’articolo, molto dipenderà da classe di concorso, provincia, effettive disponibilità nei prossimi anni.

Il consiglio, in ogni caso, è quello di puntare al conseguimento dell’abilitazione, se si vuole avere un futuro longevo in questa professione (si prospetta che già il concorso 2015 potrebbe essere aperto solo ai docenti abilitati Concorso a cattedra 2015. Solo per abilitati, quota riservata 36 mesi, no prova preselettiva. Ipotesi negli emendamenti del PD

Tra le norme in discussione, quella alla quale prestare la massima attenzione è l’art. 12, ossia quella che impone il divieto di supplenza raggiunti i 36 mesi di servizio. A nostro parere, ma non solo, una interpretazione distorta della sentenza della Corte di Giustizia europea. Ci sono molti emendamenti per rendere più leggero tale divieto, anche se l’obiettivo dovrebbe essere l’eliminazione. Divieto supplenze oltre i 36 mesi: si va verso la modifica per docenti (e ATA?). Richiesta trasversale

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads