Sciopero: comportamenti antisindacali dei Dirigenti Scolastici

Voglio segnalare il comportamento antisindacale della DS ***

1) ha spostato i consigli di classe programmati per oggi 5/5/2015 il giorno dello sciopero

Lalla – se tutti i docenti avevate dichiarato l’adesione allo sciopero, è corretto che la DS abbia spostato l’impegno. Se invece tale dichiarazione non c’è stata, il DS non può spostare l’impegno, dal momento che non ci risulta che per svolgere il consiglio di classe sia necessario il raggiungimento del numero legale. Questo è un argomento molto dibattuto in questi giorni, alcuni affermano addirittura che tale decisione è assunta in nome dell’autonomia (decisionale) del Dirigente, che a noi non risulta, dal momento che i Consigli di classe sono tra le attività approvate dal Collegio Docenti nel piano annuale e che solo con le stesse modalità può essere modificato. Ne abbiamo parlato in questa risposta E’ possibile spostare il consiglio di classe programmato per il 5 maggio, giorno dello sciopero?

2) obbligava i docenti a firmare la circolare di adesione allo sciopero affermando che sia un obbligo di servizio

Lalla – e vi ha fornito anche il riferimento normativo? Le RSU non sono intervenute?

3) il giorno dello sciopero ha fatto entrare i ragazzi a scuola e poi alla seconda ora li ha fatti uscire……

Lalla – questo di per sè non è un comportamento scorretto. Il Dirigente Scolastico, la mattina dello sciopero, se constata che non è possibile garantire neanche il servizio minimo di sorveglianza, deve sospendere le lezioni (in caso contrario sarebbe sua responsabilità qualsiasi accadimento in mancanza di personale). Non è invece possibile congedare prima gli studenti, come premio per la loro presenza, se è possibile assicurare la vigilanza. Ne abbiamo parlato qui

Brigida …. e potrei continuare

Lalla – forse questa mancanza di condivisione delle regole è anche uno dei motivi dello sciopero di oggi

Posted on by nella categoria Sciopero
Versione stampabile
ads ads