Maternità e ferie per il personale a tempo indeterminato

Maria – Sono insegnante a tempo indeterminato scuola primaria sono in astensione anticipata x gravidanza a rischio. Partorirò a settembre così andrei in obbligatoria da metà luglio. È possibile spezzare  astensione anticipata e obbligatoria godendo delle ferie? Così da poter godere di 4 mesi dopo la nascita? Mi può dare riferimento normativo se c’è?  Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissima Maria,

non è possibile interrompere il congedo obbligatorio.

Il congedo di maternità comprendente l’interdzione dal lavoro per gavdanzia a rischio è disciplinato dagli artt. 16 e 17 del d. lgs. n. 151 del 2001 e, a differenza del congedo parentale di cui agli artt. 32 dello stesso decreto, non è frazionabile e, quindi, non può nemmeno essere interrotto, salvo casi speciali espressamente regolamentati.

Il congedo per maternità si configura come un diritto indisponibile e la lavoratrice non può in alcun modo rinunciarvi, né può fruirne secondo modalità e tempi diversi da quelli espressamente stabiliti dalla legge.

Per ciò che riguarda le ferie l’art. 22, comma 6 del citato d. lgs. n. 151 del 2001 stabilisce che “le ferie e le assenze eventualmente spettanti … ad altro titolo non vanno godute contemporaneamente ai periodi di congedo …”.

Pertanto né la lavoratrice né, a maggior ragione, il datore di lavoro possono modificare il titolo dell’assenza dalla maternità alle ferie nel periodo in cui la legge stabilisce l’astensione obbligatoria dal lavoro.

Le tue ferie saranno quindi rimandate all’anno scolastico successivo e fruite nei periodi di sospensione delle lezioni.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità, Ferie
Versione stampabile
ads ads