Conclusione del procedimento amministrativo. I tempi.

Docente – Sono un’insegnante entrata in ruolo nel 2010. Ho presentato domanda di ricostruzione carriera due anni fa. Da tempo sto sollecitando la segreteria, ma rispondono sempre che c’è da aspettare perché, trattandosi di un Istituto molto grande, hanno domande in sospeso addirittura da cinque anni! Quando ho prospettato al segretario l’intenzione di procedere con una vertenza sindacale si è messo a ridermi in faccia rispondendo:”Vertenza o no io non ho tempo quindi non può far altro che aspettare!”. La mia domanda è: sono davvero impotente, non c’è niente che io possa fare se non aspettare ancora chissà per quanto?” Grazie

FP – Gentile Docente,

in merito al suo quesito, di seguito le sintetizzo i tempi previsti dalla normativa nelle diverse fasi del controllo degli atti amministrativi:

1) La circolare del 4/07/2010, (in attuazione dell’articolo 7 della legge 18 giugno 2009, n. 69), emanata dall Presidenza del Consiglio dei Ministri, stabilisce espressamente che per tutti i procedimenti amministrativi già in corso, alla data del 4 luglio 2010, il termine di conclusione del procedimento amministrativo rimane quello originariamente previsto.

Per i procedimenti amministrativi avviati successivamente alla data del 4 luglio 2010, che hanno termini superiori a 90 giorni, tali termini cessano di avere efficacia, e per i procedimenti interessati, si applica il termine ordinario di 30 giorni.

In definitiva dal 4 luglio 2010 tutti gli istituti scolastici, devono emettere i decreti di ricostruzione di carriera, del personale della scuola, entro 30 giorni dalla data di presentazione della richiesta dell’interessato.

Pertanto, a mio avviso, potrebbe  decadere il limite di 480 giorni, previsto dal D.M. del 6 aprile 1995, n. 190.

In merito, è opportuno precisare, che al momento non è stato emanato un decreto attuativo da parte del MIUR, che recepisca quanto appena affermato, ecco il motivo dell’uso del condizionale: “potrebbe decadere”.

E’ opportuno precisare che i ritardi molto spesso sono dovuti ad oggettive difficoltà delle segreterie scolastiche, in quanto il portale SIDI non viene prontamente aggiornato.

Per completezza di informazione, le segnalo che ad oggi, in seguito alla nota MIUR prot. 2621 dello scorso 20 ottobre, il portale SIDI risulta aggiornato.

Posted on by nella categoria Ricostruzione di carriera
Versione stampabile
ads ads