I giorni di permesso richiesti per la legge 104 (non per sé, ma per il genitore) vengono “scalati” dal totale del computo finale degli anni di carriera?

Francesco  – Buongiorno, desidero sapere se corrisponde al vero l’informazione ricevuta in base alla quale, a fine carriera docente, i giorni di permesso richiesti per la legge 104 (non per sè, ma per il genitore) vengono “scalati” dal totale del computo finale degli anni di carriera. Grazie e cordiali saluti.
FP – Gentile Francesco,

in merito alla sua richiesta le segnalo che quanto da lei affermato, trovava riscontro nella riforma Fornero.

Il suddetto riferimento è stato modificato  dalla Legge di stabilità del 2014. Il comma 493 ha difatto ripristinato la questione dei permessi per L. 104, rendendoli utili ai fini del diritto della pensione:

“All’articolo 6, comma 2-quater, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 febbraio 2012, n. 14, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “nonche’ per i congedi e i permessi concessi ai sensi dell’articolo 33 della legge 5 febbraio 1992, n. 104”.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads