Assegnazioni: precedenza per il figlio di età inferiore ai tre anni

Rossella – Il ricongiungimento figli vale solo se non coniugati. Se devo ricongiungermi al coniuge per avere precedenza per figlio minore di 3 anni devo cambiargli la residenza nella provincia del padre? Ti ringrazio in anticipo se vorrai rispondermi.

Paolo Pizzo – Gentilissima,

La lettera i) del punto IV dell’art 8 del CCNI assegnazioni e utilizzi prevede la precedenza per MADRE/PADRE avente un figlio di età inferiore a 3 anni ovvero lavoratrici madri e lavoratori padri anche adottivi o affidatari con prole di ETÀ INFERIORE A TRE ANNI.

Sono presi in considerazione i figli che compiono i tre anni tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2015.

Tale situazione deve essere autocertificata.

La precedenza spetta ad entrambi i genitori.

Per fruire di tale precedenza gli interessati dovranno contrassegnare l’apposita casella del modulo domanda. L’autodichiarazione deve essere presentata contestualmente alla domanda di assegnazione/utilizzazione e comunque non oltre la data di presentazione delle domande. La precedenza permette di superare il blocco triennale per le assegnazioni/utilizzazioni interprovinciali a chi è stato immesso in ruolo dopo l’1/9/2012.

Pertanto per fruire della precedenza non dovrai fare altro che dichiarare l’esistenza del figlio e la sua età, a nulla rilevando se sei coniugata o meno o qual è la residenza del padre.

Posted on by nella categoria Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads ads