Assegnazione provvisoria: anche chi è coniugato può scegliere di ricongiungersi ai figli o ai genitori

Rossella – L’art. 7 del CCNI sulle UTILIZZAZIONI E LE ASSEGNAZIONI PROVVISORIE DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED A.T.A. PER L’ANNO SCOLASTICO 2015/16 recita:L’assegnazione provvisoria può essere richiesta indifferentemente per uno dei seguenti motivi: – ricongiungimento al coniuge o al convivente, ivi compresi parenti o affini, purché la stabilità della convivenza risulti da certificazione anagrafica; – ricongiungimento ai figli o agli affidati con provvedimento giudiziario; – gravi esigenze di salute del richiedente comprovate da certificazione sanitaria; – ricongiungimento ai genitori. Dai forum di orizzonte scuola si chiarisce che una persona coniugata può chiedere ricongiungimento solo al coniuge. Perchè una persona coniugata non può chiedere assegnazione per ricongiungimento ai genitori ultra 65 o ai figli che risiedono in una provincia diversa da quella del coniuge? Che valore ha l’avverbio indifferentemente?

Paolo Pizzo – Gentile Rossella,

hai ragione tu.

Aggiungo che oltre a quell’ “indifferentemente” la  tabella allegata al CCNI delle assegnazioni dispone l’attribuzione di 6 punti per:

“ricongiungimento al coniuge o al convivente o per ricongiungimento ai figli minori o maggiorenni disabili in situazione di gravità( art. 3.- comma 3 – legge 104/92), o ai genitori di età superiore ai 65 anni e ai minori o maggiorenni disabili in situazione di gravità ( art. 3.- comma 3 – legge 104/92) affidati.

Come si può leggere chiaramente la “o” introduce un’alternativa, senza nessun vincolo. Pertanto potrai chiedere, a tua scelta, ricongiungimento ad una delle persone menzionate nell’art da te citato e nella tabella titoli da me riportata.

Ma per renderti ancora più chiara la questione ti faccio notare come per  trasferimenti la questione è invece più rigida e pone dei vincoli ben precisi:

Il punteggio è infatti attribuito per ricongiungimento al coniuge ovvero, nel caso di docenti senza coniuge o separati giudizialmente o consensualmente con atto omologato dal tribunale, per ricongiungimento ai genitori o ai figli.

Posted on by nella categoria Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads ads