Graduatoria interna: esclusione di un docente con art. 21. Chiarimenti per il Dirigente Scolastico

Dirigente Scolastico – Apprezzo tanto lo staff di orizzonte scuola per la competenza e la chiarezza. Ho bisogno di un Vs autorevole supporto. Nella graduatoria interna per l’individuazione del Docente soprannumerario, non ho graduato un Docente in possesso di:- art.3 c.1 L.104/92 (non rivedibile)- Invalidità civile al 67%. Il docente individuato soprannumerario, ricorre e mi chiede: da quale normativa si evince che il 67% sia requisito sufficiente per la non graduabilita’?Grazie infinite per la risposta che mi darete.

Paolo Pizzo – Gentile Dirigente,

la scuola ha operato correttamente.

L’art 7/2 del CCNI 2015/16 dispone l’ ESCLUSIONE DALLA GRADUATORIA D’ISTITUTO PER L’INDIVIDUAZIONE DEI PERDENTI POSTO ai  docenti ed il personale A.T.A., beneficiari delle precedenze previste ai punti I), III), V) e VII) di cui al comma 1 del presente articolo e riconosciute alle condizioni ivi indicate, non sono inseriti nella graduatoria d’istituto per l’identificazione dei perdenti posto da trasferire d’ufficio, a meno che la contrazione di organico non sia tale da rendere strettamente necessario il loro coinvolgimento (es. soppressione della scuola, ecc.).

Il punto che interessa la scuola e il docente è il III del comma 1.

Tale punto riguarda i disabili di cui all’art. 21, della legge n. 104/92, richiamato dall’art. 601 del D.L.vo n. 297/94, con un grado di invalidità superiore ai due terzi o con minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella “A” annessa alla legge 10 agosto 1950, n. 648.

L’art. 9 poi, che riguarda le certificazioni, più chiaramente indica che per le persone disabili che si trovano nelle condizioni di cui all’art. 21, della legge n. 104/92 è necessario che risulti chiaramente, anche in certificazioni distinte, la situazione di disabilità e il grado di invalidità civile superiore ai due terzi o le minorazioni iscritte alle categorie prima, seconda e terza della tabella A) annessa alla legge 10.8.50, n. 648, riconosciute al medesimo.

Pertanto se il docente in questione non rientra nella fattispecie delle minoranze della tabella A, deve dimostrare alla scuola di avere una disabilità e un’invalidità superiore ai 2/3. Anche con certificazioni distinte (una certificazione che riguarda la disabilità e un’altra che riguarda l’invalidità).

Dal quesito risulta chiaramente che al docente è stata riconosciuta una disabilità (art 3 comma 1 legge 104/92) e un’invalidità superiore ai 2/3 (67%).

Gli spetta quindi l’esclusione dalla graduatoria interna di istituto.

Posted on by nella categoria Graduatorie interne di istituto (docenti di ruolo)
Versione stampabile
ads ads