Adozione internazionale e assenza che supera il 1/9/2015

Rosaria  – sono una docente di sostegno di scuola primaria pubblica a tempo indeterminato che per il prossimo anno scolastico 2015/2016 ha avuto trasferimento dalla sede di attuale titolarità in Roma a Napoli. Il 1 settembre 2015 dovro’ prendere servizio presso la nuova scuola, ma ad agosto partiro’ per il Brasile dove io e mio marito andremo ad accogliere due bambini in adozione internazionale. Poichè non rientrero’ per il 1 settembre cosa devo fare?Vorrei portare a conoscenza la dirigente della nuova scuola della situazione, ma da un punto di vista amministrativo come devo comportarmi?A chi far presente, mediante apposito certificato, questa partenza?Alla scuola di ATTUALE titolarità o alla prossima?Potresti cortesemente dettagliarmi cosa fare?Grazie mille .

Paolo Pizzo – Gentile Rosaria,

in premessa si richiama il tuo diritto al congedo di maternità:

La lavoratrice che adotta un minore straniero (ai sensi della legge n. 184/1983, e successive modificazioni, artt. 29 e ss.) ha diritto  all’astensione dal lavoro per un periodo pari a cinque mesi a prescindere dall’età del minore all’atto dell’adozione; il diritto spetta per l’intero periodo anche nel caso in cui, durante il congedo, il minore raggiunga la maggiore età.

Il  congedo  può  essere  fruito  nei  cinque  mesi  successivi  all’ingresso  del  minore  in  Italia risultante   dall’autorizzazione  rilasciata,  a  tal  fine,  dalla  Commissione  per  le  adozioni internazionali presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri (art. 32, legge n. 184/1983).

A tale periodo di congedo si aggiunge il giorno di ingresso in Italia del minore cosicché, anche nella  fattispecie, il periodo massimo complessivamente spettante è pari a cinque mesi ed un giorno.

Ferma restando la durata massima del periodo di astensione (cinque mesi ed un giorno), il congedo può essere fruito, anche parzialmente, prima dell’ingresso in Italia del minore, per consentire alla lavoratrice la permanenza all’estero finalizzata all’incontro con il minore ed agli adempimenti relativi alla procedura adottiva.

Tale periodo di congedo può essere fruito anche in modo frazionato. Il congedo non fruito antecedentemente  all’ingresso  del  minore  in  Italia  è  fruito,  anche  frazionatamente,  entro  i cinque mesi dal giorno successivo all’ingresso medesimo.

La lavoratrice che per il periodo di permanenza all’estero non richieda o richieda solo in parte il congedo  di  maternità,  può  comunque  avvalersi  di  periodi  di  congedo  non  indennizzati  né retribuiti. Il godimento di tali periodi non è di interesse per l’Istituto.

I periodi di permanenza all’estero correlati alla procedura adottiva sono certificati dall’Ente autorizzato che ha ricevuto l’incarico di curare la procedura di adozione; pertanto, la domanda di  indennità a titolo di congedo di maternità, relativamente ai suddetti periodi, dovrà essere corredata della suddetta certificazione. In mancanza, la domanda stessa potrà essere liquidata subordinatamente alla regolarizzazione mediante esibizione della documentazione richiesta.

Tali istruzioni trovano applicazione anche laddove, al momento dell’ingresso del minore in Italia, lo stesso si trovi in affidamento preadottivo.

Detto questo, dal momento che fino al 31/8 sei a tutti gli effetti in servizio nella scuola di Roma a questa dovrai presentare la domanda di congedo e a tale scuola compete il decreto di assenza.

Se l’assenza supererà il 1 settembre, la scuola di servizio dovrà poi comunicare alla tua nuova scuola tale assenza.

È sicuramente utile che tu comunichi comunque alla nuova sede la tua impossibilità di assumere servizio il 1 settembre (sei ovviamente giustificata) in modo che il dirigente ne sia già a conoscenza.

Posted on by nella categoria Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads