Personale ATA: la valutazione del SalvaPrecari nella graduatoria interna e nella ricostruzione di carriera

Vincenza – Cara Lalla avrei bisogno di un altra risposta.Ho provato sul blog ma non mi è chiara la questione dei servizi pre ruolo per il personale ata in riferimento al periodo di salvaprecari va inserito e quindi valutato o no per la graduatoria interna. E in futuro posso dichiarare questi 2 anni per ricostruzione carriera? Grazie!

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Vincenza, i punti del Salvaprecari sono da considerare esclusivamente in relazione alle Graduatorie Permanenti, poiché il provvedimento Salvaprecari è stato creato per tutelare il personale attraverso interventi finalizzati alla conservazione del posto di lavoro e alla graduale immissione in ruolo. Tuttavia rimane possibile valutare il SOLO SERVIZIO EFFETTIVAMENTE SVOLTO (ovvero coperti da effettiva nomina di supplenza).

Vincenza – E in futuro posso dichiarare questi 2 anni per ricostruzione carriera?

Giovanni Calandrino – i servizi riconoscibili ai fini della carriera sono quelli espressamente indicati dall’art. 485 del D.L.vo 297/1994 che testualmente recita:

Al personale docente delle scuole di istruzione secondaria ed artistica, il servizio prestato presso le predette scuole statali e pareggiate, comprese quelle all’estero, in qualità di docente non di ruolo, e riconosciuto come servizio di ruolo, ai fini giuridici ed economici, per intero per i primi quattro anni e per i due terzi del periodo eventualmente eccedente, nonché ai soli fini economici per il rimanente terzo. I diritti economici derivanti da detto riconoscimento sono conservati e valutati in tutte le classi di stipendio successive a quella attribuita al momento del riconoscimento medesimo.

Agli stessi fini e nella identica misura, di cui al comma 1, è riconosciuto, al personale ivi contemplato, il servizio prestato presso le scuole degli educandati femminili statali e quello prestato in qualità di docente elementare di ruolo e non di ruolo nelle scuole elementari statali, o parificate. Al personale docente delle scuole elementari è riconosciuto, agli stessi fini e negli stessi limiti fissati dal comma 1, il servizio prestato in qualità di docente non di ruolo nelle scuole elementari statali e degli educandati femminili statali, o parificate delle scuole popolari sussidiate o sussidiarie, nonché i servizi di ruolo e non di ruolo prestati nelle scuole materne statali o comunali, comprese quelle dei predetti educandati e quelle all’estero, nonché nelle scuole popolari, sussidiate o sussidiarie.

Ai docenti di cui al comma 1, che siano privi della vista, ed al personale docente delle scuole elementari statali o parificate per ciechi, il servizio non di ruolo comunque prestato è riconosciuto per intero ai fini giuridici ed economici.

Al personale docente contemplato nel presente articolo è riconosciuto, agli stessi fini e negli stessi limiti precedentemente indicati, il servizio prestato in qualità di docente incaricato o di assistente incaricato o straordinario nelle università.

I servizi di cui ai precedenti commi sono riconosciuti purché prestati senza demerito e con il possesso, ove richiesto, del titolo di studio prescritto o comunque riconosciuto valido per effetto di apposito provvedimento legislativo.

Il periodo di servizio militare di leva o per richiamo e il servizio civile sostitutivo di quello di leva è valido a tutti gli effetti.”

Pertanto a parere dello scrivente, i servizi valutabili ai fini della ricostruzione di carriera, sono quelli effettivamente svolti, indipendentemente dal fatto che l’anno fosse coperto dal decreto “salvaprecari”.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads