Dottorato di ricerca e riscatto ai fini pensionistici

Carolina  – sono un insegnante di scuola superiore e finalmente dopo sette anni dalla immissione in ruolo la mia scuola ha messo mano alla ricostruzione di carriera ma  mi hanno detto che il sistema non riconosce il dottorato di ricerca. Cosa mi dici in merito?  Hanno ragione e lo devo riscattare con le stesse modalità della laurea o hanno peccato di incompetenza ? Grazie sempre per la tua cortese disponibilità.
FP – Gentile Carolina,

il servizio di dottorato di ricerca  prestato senza assegni e regolamentato dall’art. 51 comma 6 dellaL. 447 del 27/12/1997 non è valutabile ai fini della carriera, in quanto non previsto dall’art. 485 del D.L.vo 297/1994.

Ai fini pensionistici, si precisa che il servizio di dottorato di ricerca può essere riscattato (al pari della laurea), purchè i corsi siano regolati da  specifiche disposizioni di legge.

Cosa ben diversa è il congedo straordinario per dottorato di ricerca. In tal caso la norma stabilisce che:

“Il periodo di congedo straordinario (per dottorato di ricerca) è utile ai fini della progressione di carriera”. Riferimento Legge 476/1984.

 

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads