Permesso per sostenere l’esame di sommelier. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Si chiede il parere in quanto nel testo del CCNL 29/11/2007 non è descritto in maniera esaustiva:Un Collaboratore scolastico chiede di poter usufruire di permessi retribuiti per concorsi ed esami per sostenere l’ esame scritto prima (26/1) ed orale poi (22/6) di sommelier. I giorni di permesso per esami non sono solo quelli inerente alla qualifica che si ricopre? o possono essere utilizzati per qualsiasi tipo di concorso ed esame? so che per l’esame di guida della patente non è possibile richiedere questo tipo di permesso. Alcune scuole con le quali mi sono consultata on sono d’accordo ma riconducono ai tre giorni di permesso per motivi personali. Grazie della Vs attenzione.

Paolo Pizzo – Gentile Scuola,

L’art. 15/1 del CCNL/2007 dispone che:

Il dipendente della scuola con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ha diritto, sulla base di idonea documentazione anche autocertificata, a permessi retribuiti per i seguenti casi:

partecipazione a concorsi od esami: gg. 8 complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio;

– lutti per perdita del coniuge, di parenti entro il secondo grado, di soggetto componente la famiglia anagrafica o convivente stabile e di affini di primo grado: gg. 3 per evento, anche non continuativi. I permessi sono erogati a domanda, da presentarsi al dirigente scolastico da parte del personale docente ed ATA.

La dicitura riguardante i permessi per concorsi ed esami contenuta nel Contratto Scuola è identica a quella contenuta nel CCNL del 6.7.1995 del comparto Autonomie Locali (tranne per i giorni di viaggio), per cui è utile leggere cosa dice l’ARAN a proposito della fruizione di detti permessi:

La concessione di questi permessi è finalizzata a consentire la partecipazione del dipendente come candidato, a concorsi od esami, entro il limite massimo di otto giorni in un anno.

L’art. nella sua generica formulazione, non pone alcuna indicazione vincolante in ordine alla tipologia di concorsi o esami che possono giustificare la fruizione degli otto giorni di permesso.

In materia, quello che rileva è che il dipendente produca un’adeguata documentazione idonea a giustificare la richiesta e la fruizione del permesso.

Anche in questo caso, sulla base di interpretazione anche sistematica della clausola contrattuale, il dipendente vanta, in presenza della fattispecie legittimante, un diritto alla fruizione del permesso, a prescindere da ogni valutazione del datore di lavoro, anche se fondata su esigenze di servizio.

Si deve anche sottolineare che la disciplina contrattuale, in modo generico ed ampio, si limita a riconoscere al dipendente possibilità di fruire di una giornata di permesso purché giustificata dalla necessità di partecipare, in quella giornata, a concorsi o esami.

Pertanto, in tale ambito, non assume e non può assumere alcun rilievo l’orario di lavoro effettuato dal dipendente nella giornata di svolgimento della prova concorsuale, in quanto non viene individuata dalla clausola contrattuale, quale condizione legittimante, la circostanza della coincidenza del predetto orario con quello di effettuazione del concorso.

Alla luce di quanto detto, quindi, si ritiene che non vi siano ostacoli giuridici alla concessione del permesso di cui si tratta anche nella particolare fattispecie in cui la prova di esame, ad esempio, è stabilita alle ore 16 ed il dipendente cessa la propria prestazione lavorativa in quel giorno alle ore 14.”

In conclusione il parere è che data la formulazione della norma che implicitamente ammette la legittimità alla partecipazione del personale scolastico a qualsivoglia concorso o esame, il permesso in parola deve essere concesso anche per sostenere l’esame di sommelier.

L’unico parere contrario che finora si ha, come detto bene nel quesito, è solo per l’esame per il conseguimento della patente di guida.

Posted on by nella categoria Permessi e aspettative
Versione stampabile
ads ads