Personale ATA part-time di ruolo in scuola privata, può accettare supplenze brevi?

Teresa – Gentile Redazione, sono iscritta alle graduatorie ATA di terza fascia. Da circa tre settimane sono stata assunta in una scuola privata paritaria con un contratto di collaboratore scolastico a tempo indeterminato, part time verticale 6h settimanali. Ciò posto, chiedo se nel prossimo anno scolastico, volendo accettare eventuali supplenze di 36h settimanali come CS, debbo necessariamente licenziarmi dalla scuola privata oppure posso chiedere a quest’ultima aspettativa, permesso o qualche altra tipologia di assenza in modo che, nei periodi di supplenza, non avrei problemi di compatibilità tra il servizio pubblico e quello privato?

Non vorrei lasciare il lavoro privato anche perché le 6h lavorative vengono svolte il sabato, mentre le eventuali supplenze CS nelle scuole ove sono inserita in graduatoria vengono assegnate, solitamente, dal lunedì al venerdì in quanto il servizio presso tali istituti viene svolto su 5 giorni lavorativi. Grazie

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Teresa, la normativa di riferimento alle supplenze ATA è il Decreto Ministeriale del 13 dicembre 2000, n. 430. Il comma 2 dell’art. 4 (Completamento di orario e cumulabilità di diversi rapporti di lavoro nello stesso anno scolastico) afferma che, “Nel predetto limite orario il completamento è conseguibile con più rapporti di lavoro a tempo determinato, nel rispetto dei seguenti criteri. Il completamento dell’orario può realizzarsi nel limite massimo di due scuole, tenendo presente il criterio della facile raggiungibilità. Il completamento d’orario può realizzarsi, alle condizioni predette, anche in scuole non statali, con oneri a carico delle scuole medesime”.

Pertanto può completare il suo orario di servizio fino al raggiungimento delle 36 ore settimanali.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads