Maternità: indennità fuori nomina per gravidanza a rischio

Luisa – Buongiorno, ho letto da fonti “ufficiali e non” circa l’indennità di maternità fuori nomina. Non mi sono chiari alcuni passaggi. L’indennità di maternità fuori nomina riguarda anche le gravidanze accertate dopo la scadenza del contratto? Vorrei chiederle nel caso di: – contratto ATA a termine 31 agosto    – gravidanza accertata in data successiva alla fine del contratto ma entro 60 giorni e con le caratteristiche di gravidanza a rischio si hanno i requisiti per richiedere l’indennità di maternità fuori nomina? Ho pensato che possa essere così dopo aver letto il trafiletto di seguito in uno dei suoi articoli. Ne e evidenzio la parte a cui mi riferisco. [Per il personale a tempo determinato gli effetti della indennità hanno validità sia se in costanza di  rapporto di lavoro (accettazione e sottoscrizione del contratto), sia dopo il termine dello stesso (supplenza terminata  ma inizio o continuazione del periodo di congedo obbligatorio/interdizione dal lavoro).]

Paolo Pizzo – Gentilissima Luisa,

Il Consiglio di Stato con il parere n. 460/2003 ha affermato che nei casi previsti dall’ art. 17, comma 2, lettera a)  del Testo Unico sulla maternità (gravi complicanze della gravidanza), il prolungamento dell’interdizione anticipata e della conseguente indennità economica potrà essere concesso anche in comprovata carenza di un sottostante rapporto di lavoro.

Ai sensi dell’art. 24 comma 2 del T.U. 151/01

Le lavoratrici gestanti che si trovino, all’inizio del periodo di congedo di maternità, sospese, assenti dal lavoro senza retribuzione, ovvero, disoccupate, sono ammesse al godimento dell’indennità giornaliera di maternità purché tra l’inizio della sospensione, dell’assenza o della disoccupazione e quello di detto periodo non siano decorsi più di sessanta giorni.

Pertanto dal momento che l’interdizione per gravidanza a rischio è equiparata a tutti gli effetti al congedo maternità, potrai fruire dell’indennità fuori nomina avendo cura di seguire l’iter spiegato in questa FAQ.

Posted on by nella categoria Supplenze, Maternità e Paternità
Versione stampabile
ads ads