Diritto alla pensione anticipata nel 2019 con decorrenza 1/9

Giacinto   – Gentilissimi Redazione,Sono un vostro affezionato lettore che vi seguo ormai da anni. Volevo chiedere gentilmente a ” LALLA ” – Sono un Collaboratore Scolastico, che al 31 Dicembre 2018 compirò 43 anni + 1 mese e 15 gg. di Servizio. Chiedo: Potrò andare in Pensione Anticipata dal 1° Settembre 2019? Di quanto verrò penalizzato?. Sono nato il 16 .06.1959.  Ringraziandovi Anticipatamente, Colgo l’occasione di formularvi i più Distinti Saluti.

FP – Gentile Giacinto,

considerata la sua anzianità contributiva (43 anni di servizio al 31/12/2018) e la sua età anagrafica, la prima possibilità di “uscita” secondo quanto previsto dalla L. 214/2011 (Riforma Fornero) è data dal raggiungimento del requisito per la pensione anticipata.

Di seguito le indico i requisiti previsti per la pensione anticipata per gli uomini, per i prossimi anni:
– dal 2014 al 2015 42 anni e 6 mesi;
– dal 2016 al 2018 42 anni e 10 mesi;
– dal 2019 al 2020 43 anni e 2 mesi.

Per effetto dei suddetti requisiti maura il diritto alla pensione anticipata nel 2019, con decorrenza 1/9.

Per quanto concerne la penalizzazione, le segnalo che secondo quanto previsto  dall’attuale normativa pensionistica, solo sulla parte di servizio reso entro  il 31/12/2011 viene applicata una riduzione percentuale pari ad 1 punto percentuale per ogni anno di anticipo nell’accesso al pensionamento rispetto all’età di 62 anni. Percentuale elevata a 2 punti percentuali per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni. Nella fattispecie la penalizzazione sarà di circa il 2%, considerato  che nel 2019 avrà 60 anni.

Si precisa che il meccanismo delle riduzioni percentuali di cui sopra, non trova applicazione nei confronti di quei soggetti che maturano il requisito di anzianità contributiva previsto dalla normativa entro il 2017.

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads