Immissioni in ruolo: non è possibile scegliere solo province gradite

Cecilia – Ebbene sì, siamo arrivati al punto che temevo già da qualche mese: la deportazione, come alcuni colleghi-precari hanno giustamente chiamato il piano straordinario di assunzioni, di migliaia di precari. Per mesi abbiamo assistito a congetture, ad esercizi di retorica sulla Costituzione, da parte delle opposizioni esterne e interne al governo, da parte dei sindacati, scandalizzati tutti del fatto che un docente potesse essere valutato per il suo operato o perché (finalmente per me) si pensava di considerare anche il curriculum professionale di un insegnante e non soltanto il punteggio acquisito spesso a forza di finti masters a pagamento.

Già ho avuto modo di esternare le mie perplessità sulle scelte dei temi della protesta di colleghi e politici, perché paventavo quale dovesse prefigurarsi il pericolo vero per noi precari: quello di dover rinunciare per sempre al proprio lavoro. Non
voglio ripetere quello che già è stato detto sull’impossibilità per molti di poter accettare un incarico lontano da casa per 1300 euro al mese, ma voglio rimarcare il silenzio di tutte le forze di opposizione a questa legge (compresi i colleghi di ruolo) su questo nodo essenziale.

Devo riconoscere, una volta di più, l’assoluta indifferenza della sinistra e dei sindacati nei confronti dei precari e la difesa solo e unicamente dei famosi ‘diritti acquisiti’, ma solo per alcuni.Vorrei sapere qualcosa di più sulla possibilità, paventata da Orizzonte Scuola, di inserire nella domanda solo le province gradite, per mantenere la possibilità di rimanere precari nella propria Gae provinciale ( a cosa ci siamo ridotti!).Cordiali saluti

Lalla – gent.ma Cecilia, rispondiamo alla tua lettera per sgombrare il campo da ogni fraintendimento.

Non ci risulta di aver mai paventato, in alcuno dei nostri articoli, la possibilità di inserire nella domanda di assunzione prevista per le fasi B e C, solo "province gradite".

Abbiamo invece parlato della possibilità che la domanda di assunzione sia facoltativa e non obbligatoria.

Pertanto, anche quando fosse facoltativa, in ogni caso chi la compila dovrebbe indicare la preferenza tra tutte le province. Non emerge da alcun punto del testo del Maxiemendamento che si possano scegliere solo province gradite. Ti saremmo grati se ci riportassi l’articolo che ha dato adito al fraintendimento.

Posted on by nella categoria Immissioni in ruolo
Versione stampabile
ads ads