Pensione di vecchiaia previsti dalla L. 214/2011: – dal 2016 al 2018 – 66 anni e 7 mesi

Antonia – Sono un’insegnante di scuola superiore; attualmente ho 22 anni di versamenti e 61 anni di età; in base alle leggi vigenti, se non sbaglio, dovrei andare in pensione nel 2021. Potrei smettere di lavorare qualche anno  prima facendo i versamenti volontari all’INPS e prendere la pensione all’età di 67 anni?Oppure cessare il lavoro e, senza fare versamenti volontari, prendere la pensione (naturalmente decurtata) all’età di 67 anni? Grazie

FP – Gentile Antonia,

considerata l’età anagrafica e l’anzianità di servizio, la prima possibilità di “uscita”, tenuto conto dell’attuale normativa sulle pensioni, è data dal raggiungimento del requisito per la pensione di vecchiaia ovvero legata all’ età.

Per opportuna conoscenza, di seguito le segnalo i requisiti per la pensione di vecchiaia previsti dalla L. 214/2011: – dal 2016 al 2018 – 66 anni e 7 mesi;
– dal 2019 al 2020 – 66 anni e 11 mesi;
– dal 2021 – non meno di 67 anni.

Si precisa che i requisiti indicati, dal 2019, sono frutto di studi statistici e pertanto dovranno essere confermati.

Per quanto concerne la possibilità di dimissioni, prima del raggiungimento del requisito pensionistico, in primis le segnalo che per il comparto scuola, la finestra per l’uscita è unica ovvero 1/9, pertanto per dimettersi bisogna rispettare tale tempistica.

Le sottolineo comunque la possibilità di versare (o di non versare) i contributi fino al raggiungimento del requisito di cui sopra ed in merito le segnalo quanto indicato sul portale dell’Inps gestione dipendenti pubblici: “I contributi volontari sono tutte quelle tipologie di contributi che vengono versati su domanda dell’iscritto che vuole proseguire la contribuzione per raggiungere il diritto alla pensione o per aumentarne l’importo in caso di interruzione o cessazione del rapporto di lavoro.

È il caso di aspettative per motivi di studio o famiglia, di interruzioni per motivi disciplinari, per avori discontinui, stagionali o part-time. La prosecuzione volontaria non è ammessa qualora, per gli stessi periodi, l’ interessato risulti iscritto ad altre forme di previdenza obbligatoria.”

Posted on by nella categoria Pensioni
Versione stampabile
ads ads