Calcolo Ferie del personale ATA con settimana corta

Scuola – Buongiorno, scrivo per porre il seguente quesito:

a.s. 2013/2014 orario personale A.T.A 36h sett.li su 6 giorni
ferie spettanti 32
fruite 20
residue 12
i giorni di ferie sono calcolati in ragione di 1,00.

a.s. 2014/2015 orario personale ATA 36h sett.li su 5 giorni
ferie spettanti 32
i giorni di ferie sono calcolati in ragione di 1,2.
I giorni di ferie residue relative all’a.s. precedente come devono essere calcolate?
In ragione di 1,00 su 5 giorni
oppure di 1,2 sempre su 5 giorni, tenendo presente che la giornata di sabato è stata recuperata durante la settimana.
In attesa di riscontro ringrazio per l’attenzione.
Cordiali saluti

di Giovanni Calandrino – Gentile scuola, di seguito riporto l’Orientamento Applicativo del 06.05.2014 dell’ARAN, dove si chiarisce che il sesto giorno è considerato lavorativo ai fini del computo delle ferie:

Le ferie del personale ATA vengono regolate dal CCNL 29.11.2007, all’art. 13 comma 5 in cui viene specificato che nel caso in cui il POF d’istituto preveda la settimana articolata su cinque giorni di lavoro il sesto è considerato lavorativo ai fini del computo delle ferie. In questo modo, è irrilevante per il calcolo delle ferie che la settimana lavorativa di 36 ore sia articolata su cinque o sei giorni.

Pertanto ai fini del computo delle ferie e i giorni di ferie goduti per frazioni inferiori alla settimana vengono calcolati in ragione di 1,2 per ciascun giorno.

Si ricorda che, il numero di 26 o 28 giorni di ferie era stato stabilito dal DPR 395 del 23.8.1988 ormai superato.

Oggi è chiaro che per tutto il personale scolastico le ferie sono sempre rapportate a 32 (o 30) giorni effettivi anche se si lavora su 5 giorni settimanali.

Solo in caso di ferie usufruite per limitati periodi, meno di 6 giorni nell’arco di una determinata settimana, queste comportano un computo maggiorato del 20%. La norma vuole, evidentemente, non determinare sperequazioni rispetto a coloro che richiedono periodi di ferie al cui interno è collocato il giorno lavorativo in cui i dipendenti non sono in servizio (di norma il sabato) che, come già affermato sopra, deve essere incluso nei 32 giorni di ferie spettanti.

ESEMPIO: se un ATA ha usufruito di un periodo di ferie: dal 20 al 24 marzo per complessivi 5 giorni, le ferie rimanenti nell’anno corrispondono, se ha più di tre anni di anzianità: 32- ( 5 x 1,2)=26

Quindi, in merito al quesito posto si ribadisce che la base di partenza è che le ferie del dipendente devono essere sempre rapportate a 32 giorni effettivi.

Ciascun giorno di ferie usufruito durante il periodo in cui presta servizio su sei giorni sarà ovviamente calcolato senza alcuna maggiorazione di computo ( es. ferie dal 5 al 7 agosto= tre giorni di ferie); per contro i giorni di ferie usufruiti durante il periodo in cui presta orario su cinque giorni vengono calcolati in ragione di 1,2 per ciascun giorno ( es. ferie dal 1 al 3 aprile = 3,6 giorni ).

Nel caso di risultanze finali di calcolo non intere ( es. il dipendente ha usufruito complessivamente di giorni 27, 6 di ferie), si precisa che, per prassi generalizzata, ogniqualvolta il risultato è superiore alla metà si arrotonda all’intero ( es. 2,66 si arrotonda a 3) mentre se inferiore si arrotonda per difetto ( es. 0,22 a 0). Se il risultato è la metà della frazione ( 0,50; 1,50) per prassi si arrotonda per difetto.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads