Assegnazione delle classi ai docenti: i beneficiari della Legge 104 hanno priorità di scelta?

Imma – Sono una docente di istruzione di secondo grado e vorrei un chiarimento circa l’assegnazione delle classi. Quest’anno 2015/16 ho una cattedra oraria di 16+2 di completamento in altro comune perché, pur avendo un’anzianità di servizio superiore, la mia collega usufruisce della legge 104. Ora la stessa collega ribadisce e pretende che la scelta delle classi spetta a lei in quanto, beneficiaria della 104, mi precederebbe in graduatoria sempre per effetto della 104. Da premettere che nella graduatoria d’istituto non è stato inserito alcun suo punteggio, ma solo la dicitura “legge 104…..”.

Da premettere che la scrivente viaggia per raggiungere le sedi, mentre la collega abita quasi fuori la scuola, cammina autonomamente (senza bastone), parla, vede e ragiona. Già l’anno precedente avendo lei avanzato pretese, impietosita per la sua condizione ho preso classi su più corsi con il disagio di rientrare a scuola più giorni (3gg e anche4gg) per Cdc.
Quindi le chiedo cortesemente darmi una risposta a tale quesito: a parte la continuità didattica (nella nostra materia influisce relativamente), a chi spetta scegliersi le classi ?

Giovanna Onnis – Gentile Imma,

se la Legge 104 consente alla collega di essere esclusa dalla graduatoria interna per non essere dichiarata soprannumeraria, non si può dire la stessa cosa per l’attribuzione delle classi. Le classi vengono assegnate al docente dal Dirigente scolastico, in sintonia con i criteri generali stabiliti dal Consiglio d’Istituto e con le proposte formulate dal Collegio dei Docenti in riferimento all’applicazione dei criteri fissati dal Consiglio.
In molti CdD tra i diversi criteri si considera la continuità didattica e l’anzianità di servizio. Generalmente la continuità didattica rimane un criterio prioritario, tranne casi particolari come l’incompatibilità del docente con la classe o una specifica e circostanziata richiesta di cambiare classe o corso da parte dello stesso docente. Tra i criteri adottati, sicuramente non c’è la priorità di scelta per i beneficiari della Legge104, quindi non è legittima la pretesa della tua collega che ritiene di avere il diritto di poter scegliere le classi come più gradisce

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads