Utilizzazione interprovinciale: domanda rifiutata. Perché?

Marisa – Sono una docente di scuola primaria entrata di ruolo nel 2014/15 su posto sostegno dall’ultimo concorso 2012. Questo anno mi è stata data come sede definita una sede d’ufficio che io non avevo inserito nella lista delle preferenze. Ho dunque chiesto assegnazione provvisoria e utilizzazione, visto il trasferimento d’ufficio, nella provincia dove risiedo avendo tre figli, di cui uno di 20 mesi, ed essendo tutore legale di una zia invalida dalla nascita.

Ebbene non ho ottenuto l’assegnazione provvisoria, mentre per quanto riguarda l’utilizzazione mi è stata respinta perché non provengo da una provincia in esubero. La mia domanda è se sia corretto il rifiuto della domanda di utilizzazione….forse avrei potuto farla solo nella provincia della sede provvisoria o avrei avuto diritto alla richiesta su sede interprovinciale ? Vi ringrazio anticipatamente .Buona giornata

Giovanna Onnis – Gent.ma Marisa,

avevi i requisiti per chiedere assegnazione provvisoria interprovinciale, ma non è valido lo stesso per l’utilizzazione interprovinciale. Se l’unico tuo requisito per l’utilizzazione è l’assegnazione d’ufficio della sede definitiva, questo ti consentiva di chiedere utilizzazione provinciale, ma non quella interprovinciale. Per chiedere utilizzazione interprovinciale, infatti, come chiarisce bene l’art.2, comma 1, lettera h) del CCNI, è necessario e indispensabile appartenere a ruolo, posto o classe di concorso in esubero provinciale. Per ulteriori chiarimenti puoi leggere l’articolo pubblicato da OS: http://www.orizzontescuola.it/news/utilizzazione-interprovinciale-delusione-non-averla-ottenuta-chiarimenti-sui-motivi
Quindi, mi dispiace, ma il CSA ha agito correttamente motivando secondo normativa il rifiuto della tua domanda di utilizzazione interprovinciale

Posted on by nella categoria Assegnazioni/Utilizzazioni
Versione stampabile
ads ads