Ore liberate dall’esonero del collaboratore vicario del Dirigente scolastico: come devono essere utilizzate?

Ornella – Cosa deve fare un dirigente scolastico che potrebbe sostituire il vicario con un docente interno il quale, avendo perso alcune ore, completa in altra scuola? Deve comunque nominare un supplente fino all’avvio dell’organico potenziato? Grazie

Giovanna Onnis – Gentile Ornella,

fino allo scorso anno scolastico 2014/15, le ore liberate dal vicario in esonero potevano essere utilizzate per il completamento interno di un docente titolare su una COE, ma per il corrente anno scolastico 2015/16 questo non è possibile, come chiarisce il MIUR con la nota 1875 del 3/09/2015 con la quale si consente l’esonero o il semi esonero dal servizio del docente collaboratore vicario del dirigente. Con la nota citata vengono informati i Dirigenti scolastici sulla possibilità di sostituire da subito il docente vicario attraverso la nomina di un supplente fino all’arrivo dell’avente diritto e cioè sino al completamento della “fase C” del piano straordinario di immissioni in ruolo. Il posto (sia nel caso di esonero che di semi esonero) rientrerà in quello che è definito organico di potenziamento, per cui anche se si trattasse di spezzone utile per trasformare una COE in COI di un docente titolare nella scuola, non può essere utilizzato dal Dirigente per questo scopo, ma su questo spezzone dovrà essere nominato un supplente fino all’avente diritto che sarà il neo-immesso in ruolo nella fase C

 

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads