Supplenze fino avente titolo. Rifiuto e sanzioni

Claudio – Buongiorno, secondo lei anche se rifiuto una supplenza inferiore a 18 ore subisco le sanzioni previste dall’articolo 8 del regolamento delle supplenze? Le sanzioni si subiscono anche se la supplenza è fino all’avente diritto?

Paolo Pizzo – Gentilissimo Claudio,

l’art. 8 del D.M. 131/2007 è la normativa di riferimento che regola le sanzioni i cui effetti valgono solo per l’anno scolastico in corso, pertanto si annullano con l’inizio dell’anno scolastico successivo.

La rinuncia ad una proposta contrattuale o alla sua proroga o conferma ripetuta per due volte nella medesima scuola comporta, esclusivamente per gli aspiranti totalmente inoccupati al momento dell’offerta di supplenza, la collocazione in coda alla relativa graduatoria di terza fascia, se le cause della rinuncia non sono opportunamente giustificate e motivate.

La sanzione in caso di rinuncia alla supplenza su posto di sostegno non si applica al docente non in possesso di specializzazione.

Detto questo, si precisa che la sanzione si applica indipendentemente dall’orario settimanale della supplenza (cattedra o spezzone), ma non si applica se è “fino avente diritto”.

Le supplenze “fino avente diritto” infatti, qualunque sia il motivo per cui si assegnano, rientrano sempre nei casi di supplenze conferite sulla base delle precedenti graduatorie, per cui eventuali comportamenti sanzionabili non producono effetti sulle nuove graduatorie.

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads