Futuro lavorativo per chi non ha presentato domanda di assunzione per il piano straordinario 2015/16

Giovanna – Gentile redazione sono una precaria inserita in gae nella provincia di rc. Purtroppo non me la sono sentita di partecipare al piano nazionale di assunzione. A parte fare la supplente vorrei sapere quale potrebbe essere il mio destino. A proposito sono laureata con 110 e lode,abilitata scuola primaria, abilitata A036.

risposta – gent.ma Giovanna, purtroppo ci chiedi più di quanto sia possibile ipotizzare oggi, quando ancora il piano straordinario di assunzioni non è concluso, non è stata avviata la mobilità straordinaria prevista per il 2016/17, non ci sono ancora concretezze (seppure sempre più conferme) sul concorso a cattedra da bandire entro il 1° dicembre 2015. Dunque, tutto è fermo a quando hai deciso di non presentare la domanda e le uniche risposte esistenti al momento sono quelle fornite dal Ministero attraverso le FAQ sul piano di immissioni in ruolo.

18. Se non presento la domanda di partecipazione alle fasi  b ) e  c ) del piano straordinario di assunzioni, potrò comunque essere assunto in futuro?

Naturalmente non si potrà essere assunti nel 2015/2016, proprio perché non si è presentata la domanda.
Per quanto riguarda gli anni successivi, va ricordato che nel 2016/2017 cambierà la geografia dei posti vacanti e disponibili poiché molti di questi potranno essere occupati dal personale già di ruolo nel 2014/2015 a seguito del piano straordinario di mobilità previsto dal comma 108 della legge 107/2015. Quindi, i primi scorrimenti nelle graduatorie ad esaurimento che eventualmente rimarranno in vigore dopo il piano straordinario potrebbero non avvenire prima del 2017/2018. Va inoltre ricordato che le graduatorie non esaurite potranno essere scorse solo nel limite del 50 per cento dei posti vacanti e disponibili della provincia di riferimento, poiché il rimanente 50 per cento è riservato al prossimo concorso che sarà bandito entro il 1° dicembre 2015. Infine, la distribuzione dei posti per classe di concorso dipenderà anche dal fabbisogno espresso dalle scuole con i Piani triennali dell’offerta formativa e, dunque, ad oggi non è conosciuta.

19. Se non presento la domanda di partecipazione alle fasi  b ) e  c ) del piano straordinario di assunzioni, avrò la possibilità di continuare comunque a lavorare nella scuola statale in qualità di supplente?

Entro il limite del periodo massimo di 36 mesi consentito dall’articolo 1, comma 131, della legge 107/2015. E solo nel caso in cui vi siano posti disponibili.
Occorre tener presente che nel 2015/2016 non rimarranno posti vacanti e disponibili poiché saranno tutti occupati al termine del piano assunzionale straordinario. Anche nel 2016/2017 con ogni probabilità non vi saranno posti vacanti e disponibili in molte province poiché potranno essere occupati dal personale già di ruolo nel 2014/2015 a seguito del piano straordinario di mobilità previsto dal comma 108 della citata legge 107/2015. Inoltre, l’Amministrazione svolgerà concorsi con cadenza regolare e dunque tutti i posti vacanti e disponibili potranno in ogni caso essere occupati dai vincitori dei concorsi stessi, senza dunque che ne rimangano da coprire con supplenze. In conclusione, il fabbisogno di supplenti sarà più basso in futuro rispetto a quanto accaduto sino al 2014/2015, sarà limitato all’organico di fatto e sarà distribuito geograficamente in maniera diversa.

Posted on by nella categoria Immissioni in ruolo
Versione stampabile
ads ads