Sdoppiamento di una classe: quando è possibile?

Giulia – Sono un’insegnante di scuola primaria e ho una classe seconda (unica del plesso essendo un paese) composta da 25 alunni tra cui 5 extracomunitari, una bambina diabetica che per tre volte al giorno necessita di guida nell’esecuzione del test della glicemia con conseguente telefonata alla mamma per consigli sul da farsi, e in più un bambino diversamente abile molto grave seguito da due diverse insegnanti di sostegno per l’intero orario scolastico. Questa è la realtà già non semplice della mia classe.

Adesso la situazione sta ancora evolvendosi … ci è stato appena detto che è in arrivo un’altra alunna che è stata appena adottata dalla famiglia e che in più per i suoi problemi si prevede il sostegno per 12h. Chiedo se per situazioni di questo tipo con 2 handicap e altre situazioni difficili ecc….è previsto in futuro lo sdoppiamento della classe…..cosa dice la legge riguardo il n. Massimo di alunni per classe…. cosa è necessario fare, non pretendo in corso d’anno ma negli anni futuri 9n modo da tutelare la didattica…anche perché essendo l’unica seconda del plesso col tempo ci sta di arrivare oltre 30 essendo anche il paese ad alto flusso migratorio. Grazie
Giovanna Onnis – Gentile Giulia,

la normativa che stabilisce la consistenza numerica degli alunni per classe e che viene presa in considerazione per la predisposizione annuale degli organici di tutte le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado è il DPR 81/2009. Per la scuola Primaria nell’art.10 si stabilisce che le classi sono costituite con un numero di alunni non inferiore a 15 e non superiore a 26, salvi i casi di presenza di alunni disabili. Eventuali iscritti in eccedenza dovranno essere ridistribuiti tra le diverse sezioni della stessa scuola, senza superare il numero di 27 alunni per sezione.
E’ utile precisare che lo stesso DPR, nell’art.5, comma 2 chiarisce che il numero degli alunni nelle classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado che accolgono alunni diversamente abili non può superare il limite di 20 alunni. In base alla situazione che descrivi per la tua classe, con il nuovo inserimento si arriverebbe a 26 alunni, numero che andrebbe ben oltre il limite massimo stabilito dalla normativa per classi con alunni disabili.
Considerando la realtà della scuola in cui lavori e, in particolare, della classe che descrivi, ritengo che possa essere richiesto, almeno per il prossimo anno scolastico, lo sdoppiamento della classe appellandosi all’art.10 del DPR 81/2009 che stabilisce quanto segue: “Nelle scuole e nelle sezioni staccate funzionanti nei comuni montani, nelle piccole isole e nelle aree geografiche abitate da minoranze linguistiche possono essere costituite classi, per ciascun anno di corso, con un numero di alunni inferiore al numero minimo previsto e comunque non inferiore a 10 alunni”. Situazione questa che mi pare si possa adattare benissimo alla realtà della tua classe.

Un aiuto per ottenere lo sdoppiamento della classe potreste trovarlo anche nella legge 107 dove, nel comma 84, viene disposto che “Il dirigente scolastico, nell’ambito dell’organico dell’autonomia assegnato e delle risorse, anche logistiche, disponibili, riduce il numero di alunni e di studenti per classe rispetto a quanto previsto dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 2009, n. 81, allo scopo di migliorare la qualità didattica anche in rapporto alle esigenze formative degli alunni con disabilità.”
Sull’argomento OS ha pubblicato un articolo che potrebbe interessarti  http://www.orizzontescuola.it/news/numero-alunni-classe-buona-scuola-potranno-sparire-classi-pollaio

Posted on by nella categoria Varie
Versione stampabile
ads ads