Le supplenze fino ad avente diritto (tranne su esonero collaboratore) non c’entrano nulla con fase C

Dany – Vorrei sottoporvi la mia situazione: sono ATA di ruolo a Roma e Docente precaria a Torino, da cui ho ricevuto convocazione per una supplenza su avente diritto, ma l’art. 59 non permette utilizzazioni inferiori a supplenze annuali, per cui non ho potuto accettarla.

Ora, essendo la mia classe di concorso la C470 ("Laboratorio di Registrazione del Suono e Post-produzione Audio") molto di nicchia, in graduatoria risultiamo ancora solo noi ITP diplomati, poiché il MIUR non ha previsto PAS negli ultimi anni.

Potrei sollecitare l’Istituto a saltare quindi l’inutile fase C per stipulare direttamente una supplenza al 30/6, in modo da non spezzettare la continuità di servizio ma soprattutto quella didattica, a discapito degli studenti?

risposta – gent.ma Dany, confondi il motivo per cui la supplenza ti è stata proposta con contratto fino all’avente diritto.

La fase C non c’entra nulla con la tua supplenza, a meno che essa non riguardi esonero o semiesonero del collaboratore del Dirigente Scolastico (in questo caso avresti dovuto specificarlo). La fase C delle immissioni in ruolo infatti non serve a coprire le supplenze, ma per il potenziamento dell’offerta formativa (si tratta cioè di nuovi posti).

Fase C: i posti devono ancora essere “creati”. Nessun pericolo per le supplenze assegnate

La supplenza ti è stata proposta fino all’avente diritto perchè le graduatorie di III fascia devono essere ripubblicate per l’a.s. 2015/16, e ciò avverrà dopo il 20 ottobre, come indicato dalla nota del 10 settembre 2015.

Graduatorie di istituto: quali supplenze vanno conferite al 30 giugno e quali fino ad avente diritto. Ripubblicazione nota Miur con correzione errori

Non ha importanza che per la tua classe di concorso non ci saranno modifiche, la prassi e la tempistica sono comunque quelle.

 

Posted on by nella categoria Supplenze
Versione stampabile
ads ads