Docente soprannumerario trasferito d’ufficio: mobilità sugli ambiti territoriali o diritto al rientro nella scuola di ex-titolarità?

Marinella – Sono insegnante di Francese a tempo indeterminato presso una scuola media. Nell’anno scolastico 14/15, causa dimensionamento, ho perso la titolarità nella scuola dove insegnavo da 6 anni. Quest’anno scolastico 15/16 sono stata trasferita (in qualità di soprannumeraria) in una scuola della stessa città. Vorrei sapere se potrò richiedere, per utilizzare il punteggio acquisito, il rientro nella mia sede di ex titolarità senza rischiare di finire nell’ambito territoriale. Distinti saluti

Giovanna Onnis – Gentilissima Marinella,

il diritto al rientro nella scuola di ex-titolarità è sempre stato considerato nella mobilità ed è sempre stata una precedenza, come indicato anche nell’art. 7, comma 1 parte II) del CCNI 2015/16 (Personale trasferito d’ufficio negli ultimi otto anni richiedente il rientro nella scuola o istituto di precedente titolarità).

In base alla normativa vigente, il docente trasferito con domanda condizionata conserva, inoltre, per un ottennio il punteggio di continuità maturato nella scuola di precedente titolarità, purché presenti ogni anno domanda condizionata per il rientro.

Il problema che ti poni è legittimo e sono molti i docenti nella tua situazione che si chiedono la stessa cosa. Effettivamente il problema dei docenti soprannumerari trasferiti in altra scuola e il loro diritto relativamente al rientro nella scuola di precedente titolarità, non viene considerato dalla legge 107 e quel poco che viene stabilito nel comma 73, risulta per loro penalizzante e sembrerebbe annullare il diritto al rientro del quale hanno sempre usufruito .

Il comma 73 della legge 107, stabilisce infatti che “Dall’anno scolastico 2016/2017 la mobilità territoriale e professionale del personale docente opera tra gli ambiti territoriali “, quindi è chiaro che non potranno essere espresse preferenze su scuole, ma solo sugli ambiti e, purtroppo per te, quanto indicato sempre nel comma 73 “Il personale docente in esubero o soprannumerario nell’anno scolastico 2016/2017 e’ assegnato agli ambiti territoriali”, sembra coinvolgere anche i docenti soprannumerari negli ambiti territoriali.

Tutto ciò, però, dovrà essere esplicitato chiaramente nel CCNI sulla mobilità 2016/17 non ancora predisposto, dove potrebbero essere inserite specifiche disposizioni in merito, come sarebbe giusto e doveroso.

Posted on by nella categoria Mobilità, Riforme
Versione stampabile
ads ads