Art. 59 ATA: che significa “di durata non inferiore ad un anno?”

Bianca – Buon giorno, sono un Assistente Amministrativa di 3 fascia delle graduatorie d’Istituto, fino all’anno scorso ho lavorato da settembre a giugno, quest’anno nono sono stata convocata dalle scuole perchè i pochi posti disponibili sono stati occupati dai collaboratori scolastici in graduatoria.La mia domanda è questa, come possono i collaboratori scolastici prendere l’aspettativa se il D.M. 717 del 2014 stabilisce le annualità al 30 giugno e l’art.59 del CCNL stabilisce che la loro aspettativa per lavoro non può essere inferiore ad 1 anno (12 mesi)?Inoltre la sentenza della Cassazione n.23031 del 2 novembre 2007 esprime il corretto valore di una circolare emanata dalla pubblica amministrazione, si tratta, infatti, di atti meramente interni della pubblica amministrazione che esprime esclusivamente un parere dell’amministrazione e non vincola la stessa autorità che l’ha emanata.

Alla circolare non può essere riconosciuta alcuna efficacia normativa.
Esse non possono nè contenere disposizioni derogative di norme di legge, nè essere considerate alla stregua di norme regolamentari vere e proprie. Equivale a ricoscere all’amministrazione stessa un potere normativo in conflitto con la carta costituzionale che assegna tale potere al Parlamento.Spero di ricevere al più presto una risposta.Cordiali saluti.

di Giovanni Calandrino – Gentilissima Bianca, sulla questione si è già espressa l’ARAN.

Con la frase “non inferiore ad un anno scolastico” si deve intendere anche il posto al 30/6 senza quindi nessuna distinzione se sia disponibile o vacante.

Pertanto è possibile fruire dell’aspettativa (art. 59) sia su posti al 31 agosto che al 30 giugno, di seguito il testo della nota prot. 1289 del 17 febbraio 2004, “Gli artt. 33 e 58 (ora 36 e 59), nel riferirsi alla possibilità di accettare incarichi a tempo determinato purché di durata non inferiore ad un anno, hanno inteso tutelare, con quest’ultima espressione, esclusivamente 1 ‘integrità e la continuità dell’anno scolastico sotto il profilo didattico e amministrativo. Soddisfatte queste condizioni, non rileva, ai fini predetti, se il posto sia semplicemente disponibile o anche vacante”.

Posted on by nella categoria Ata
Versione stampabile
ads ads